8 luglio 2014

L'imbecille di turno

Pensi che oltre certi limiti non si possa arrivare. Eppure c'è sempre qualcuno (maledetto qualcuno) che quei limiti li supera senza troppa fatica. L'imbecille di turno. Quello che non avevi sospettato, quello che spara le sue approfondite idiozie senza neppure contare fino a dieci, come si consiglia a chiunque proferisca verbo. L'imbecille di turno che batte tutti gli altri imbecilli di turno nei quali capita di inciampare più o meno quotidianamente e che oltre ad un imperante impulso di ferocia antropofaga, non riesce a suscitare riso, come forse si aspetterebbe, né pietà, come forse si dovrebbe. L'imbecille di turno resta ciò che è: un incontrovertibile stupido.

[foto by MustValge]

19 commenti:

  1. Avanti un altro!
    :-)
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per oggi non ne ho avvistato neppure uno.
      Questione di ore... sicuro!

      Elimina
  2. Sai qual è la forza di un imbecille? È che lui non sa di essere tale. Comunque resta un vincente, perché è impossibile sconfiggerlo. Fattene una ragione!

    RispondiElimina
  3. Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno Oscar Wilde.
    A volte, molto meglio un ingenuo imbecille che un presuntuoso 'sputasentenze'.
    Cristiana

    RispondiElimina
  4. Mi butto a indovinare: stai parlando di un collega di lavoro. Dico questo perché dal tono mi sono convinto che contro questa imbecillità non puoi lottare, questione di tavoli, di stanze, di necessari contatti. Dico questo perché nel mio lavoro sono purtroppo a contatto con un paio di str... scusa, tu li chiami imbecilli e sia...insomma un paio di imbecilli che mi tampinano con continue stupidaggini che fanno. A volte ho la sensazione che lo facciano apposta perché si sono accorti quanto poco io li sopporti. Ognuno gode per quel poco che può.
    L'imbecille non è mai solo, trova sempre un compagno, perché il mondo ne è pieno, affollato come un vagone della metro; ne sent il tanfo del sudore e la puzza dei loro fiati carichi di aglio guasto.
    Non te la prendere: a ciascuno il suo, o i suoi imbecilli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho dimenticato di firmare
      Cucciolo filosofo

      Elimina
    2. Cucciolo veggente, direi. Sorrido...

      Sì, si tratta di un contatto lavorativo. Inevitabile, purtroppo. Fosse per me starei lontana da questa persona per tutta l'esistenza che mi rimane, ma non posso. Mi toccherà limitare i danni e provare a non arrabbiarmi troppo.

      Elimina
    3. Perché non usi il mio metodo? Prova a fare l'imbecille tu, ma in modo clamoroso, evidente, pacchiano. Scoprirai una cosa fantastica: questa gente non aspetta altro che di incontrare gente della loro pasta (uso la tua espressione, mi piace) e ci cascano coi pedalini e le scarpe.
      Io mi ci diverto da matti. Ma bisogna saperla fare la cretina, attenta che sennò lo capiscono anche gli imecilli e allora addio divertimento.
      Prova, poi mi dici.
      Cucciolo suggeritore.

      Elimina
    4. No, grazie.
      Sinceramente non ci tengo minimamente a fare l'imbecille.
      Mi spiace...

      Elimina
  5. dopo anni di lavoro in u n negozio, potrei dire, non sono mai abbastanza imbecilli e la staffa è superata quotidianamente più e più volte. ci sarà un modo per tutelarsi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Superano i loro record in maniera imbarazzante.
      Non potrei mai lavorare in un negozio, a contatto con il pubblico.
      Resisterei mezz'ora.
      Non credo che ci si possa tutelare o proteggere, purtroppo.

      Elimina
  6. "stupido è chi lo stupido fa"
    Secondo me non esiste il perfetto imbecille.
    Di norma, crede fermamente in quello che dice o che fa, al punto che se dovessi dimostrare che sbaglia, continua imperterrito a formulare le sue dissertazioni come se fossero verità incontrovertibili.
    A mio avviso, non lo fa per stupidità ma per insaziabile arroganza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando l'imbecillità si mescola all'arroganza (caso non proprio rarissimo), si ottiene un mix pericolosissimo, odioso e insostenibile.

      Elimina
  7. Pensavo anche a certi anonimi da blog.. non cucciolo ovviamente.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La categoria degli anonimi puri, quelli che colpiscono e scappano, nascondendosi dietro il nulla, esattamente come fanno i vigliacchi, appartengono a pieno titolo alla razza degli imbecilli. E sono tra i peggiori frequentatori della Rete.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.