8 aprile 2014

Parole di cipria

Le parole di cipria sono solo polvere che luccica. Pochi istanti di gloria e null'altro. Si soffiano tra le labbra e non lasciano che un'impalpabile traccia di lieve pallore. Spariscono. E lo fanno in fretta. E lo fanno sempre. Le parole di cipria non implicano e non mettono radici. Sorvolano le attese, levitano nello spazio, trascurano il tempo. Forse si gonfiano di noia e qualche volta inciampano in sassolini di speranza. Chi immagina di trovarvi degli appigli o qualche ombra sbaglia di grosso. Le parole di cipria incarnano l'evanescenza perché non hanno anima né corpo. Bellissime e sublimi ma atrocemente fatte di nulla.

[foto by OnurY]

4 commenti:

  1. non so perchè ma penso a un libro di Fabio Volo di cui lessi distrattamente qualche pagina in una sperduta libreria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai letto Fabio Volo. Ed immagino che non lo leggerò mai. Non è esattamente nelle mie corde e neppure nelle mie intenzioni.

      Ma se tu dici che questo post dedicato alle parole di cipria (o parole inutili e vuote) ti ha riportato a quelle pagine di Volo, chi sono io per contraddirti?
      Sorrido...

      Elimina
  2. In modo molto più prosaico, oggi si chiamano "aria fritta'.
    La tua definizione è più elegante ma il loro significato è identico : ZERO.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aria fritta.
      Esattamente...

      Io ci ho messo di mezzo la cipria perché mi pareva un'immagine più elegante, ma il senso è lo stesso, cara cristiana!

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.