6 febbraio 2014

Dentro un abbraccio

Dentro un abbraccio c'è un lago di tepore che sa di stelle. Dentro un abbraccio riconosco l'odore di corpo mescolato al tempo passato ad aspettarlo. Ne assaporo la forza e tutto l'incanto. Abbraccio solo con pezzi d'anima tra le dita. Mai per caso. Mai per dovere. Abbraccio per riconoscermi in quel mutare di ciglia e nei piccoli universi che si schiudono poco dopo. Dentro un abbraccio passo istanti che adoro e a cui non so e non voglio rinunciare. C'è un silenzio buono lì dentro, una sospensione d'esistenza per sentirsi vivi e vicini solo un po' nel profondo.

[foto by martaraff]

11 commenti:

  1. L'abbraccio è una cosa bellissima. C'è l'abbraccio tenero del bambino a sua madre, dove rifugia le sue ensie e si ripara dalle paure; c'è l'abbraccio tra amici che è sodo e puro; c'è l'abbraccio tra un uomo e una donna, intenso, preludio ad altri abbracci più intimi, ma qui parliamo del primo, semplice chiudersi tra le braccia dell'altro/a con la gioia di sentire l'odore del sudore altrui, della pelle altrui, dell'alito altrui, con il calore di sentirsi quasi soffocare.
    In certe amicizie di web, o di blog se preferisci, io sento che manchi proprio l'abbraccio: si eliminerebbero incomprensioni e ci si capirebbe meglio l'altra persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci sono tanti tipi di abbraccio. Tutti molto significativi, indipendentemente dalle età e dalle persone che se lo scambiano.

      Le amicizie o conoscenze virtuali non consentono l'abbraccio vero, fatto di odori e carne e calore. Però, a volte, ho sentito lo stesso la vicinanza di un amico o di un'amica virtuale pur non potendo offrire né ricevere abbracci.

      Elimina
    2. Vedo che sei sintonizzata sulla mia stessa lunghezza d'onda. Confermo: si avverte si avverte la vicinanza. E adesso basta con questa storia del virtuale: l'amore è amore virtuale o materiale e l'amicizia anche. Anzi a volte la vitualità può alleggerire da certi orpelli che l'appesantiscono e la condannano a volare basso.
      Adesso so che ridacchi...

      Elimina
    3. No. Non ridacchio.
      Però sorrido.
      Va bene ugualmente spero...

      Elimina
    4. Va benissimo, anzi...va meglio, Euri!

      Elimina
  2. L'abbraccio è una cosa bellissima.
    Difficile scriverlo meglio di Vincenzo Jacoponi.
    L'abbraccio tenero con gli affetti, l'abbraccio allegro tra amici, l'abbraccio vigoroso tra uomini, l'abbraccio di mille arti e sensazioni e batticuore tra tangheri, l'abbraccio dei corpi che mentono poco, certamente meno delle parole e della mente.
    Nel tango, ci si abbraccia e si cammina, abbracciati, in silenzio buono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggo spesso da te che parli di tango.
      Io non conosco quest'arte, forse perché non mi intriga particolarmente.
      Ma se tu dici che il tango è come un abbraccio lungo e "camminante", mi fido!

      Elimina
  3. Anche se non posso abbracciarti spero di risentirti in un giorno di questi.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti chiamarmi tu se ti va...
      Se poi avessi uno smartphone ci sarebbe anche WhatsApp per comunicare. Ormai sono anche in questo mondo!
      Chi lo avrebbe mai detto...

      Elimina
  4. Certo che ti posso chiamare anche io. Ho un numero di poste mobile con minuti gratis verso tutti e all'infinito ma non so quando farlo, per non essere invadente. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possiamo metterci d'accordo via sms. Tendenzialmente posso stare più tempo al telefono dopo le 18.30. Salvo impegni.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.