24 settembre 2013

Testa stanca

Smarrisco le parole ed è il sintomo più evidente. Scompaiono proprio quando vorrei pronunciarle. O scriverle. Ecco, mi dico, sono stanca. Ed accade la sera, solitamente. E' una stanchezza che morde la mente e la piega in tanti minuscoli triangoli coi quali non so neppure giocare. Mi arrendo, in silenzio, abbandonando persino l'idea di poter reagire. Testa stanca. Le ore del giorno sgocciolano tra mille inciampi e l'energia si disperde come vapore fino a lasciarmi lacune che assomigliano a minuscole sconfitte. Sono in deficit e non è un grande sensazione. Mi tollero quel poco che serve e rimando il resto a domani.

[foto by crilleb50]

9 commenti:

  1. Anche io mi sto tollerando per quel poco che serve, ma questo non è un bel porsi davanti alla vita, davanti al quotidiano. Bisognerebbe farcela a sgomberare la testa da tutte quelle cosucce e cosuzze da nulla che la gonfiano e renderla accogliente e capace per le cose che contano. Ognuno di noi ha il suo mondo, quello in cui crede, quello in cui vuole vivere. Almeno riuscire a mantenere fresca e attiva quella parte di testa che si infila dentro questo nostro mondo privato. Io ci provo ogni giorno e vengo costantemente redarguito da chi mi sta vicino perchè "sono assente". Ma non ho il dono dell'ubiquità e non posse essere presente dappertutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi tollero regolarmente. E non ci vedo niente di male. Se lo faccio io perché non possono farlo gli altri?
      Certo, sono forse un po' più distratta, assente, irritabile. Ma che ci posso fare?

      Essere dappertutto non mi interessa, sinceramente. L'ho detto no? Sono stanca!

      Elimina
    2. Un vecchio buon film americano aveva un titolo tipicamente americano: "Solo chi cade può risorgere".
      Parafrasando si potrebbe dire: solo chi è stanco può sprofondare in un sonno profondo e rimettersi in sesto.
      Coraggio, l'intera Umanità è stanca, ma l'Uomo continuerà -purtroppo- a rovinare questo bel pianeta azzurro.

      Elimina
    3. Tranquilla: era solo un doppione. Ancora non ho capito perché lo faccia così spesso sta trappola.
      Scusami.

      Elimina
    4. Non preoccuparti, sappiamo che il sistema, ogni tanto, fa cilecca!

      Elimina
  2. a parte l'egregia definizione che hai composto, il fenomeno a me pare alquanto vasto e presente in ogni fascia di età per evitare di farmi pensare alle scie chimiche o a qualche altra diavoleria con cui ci stanno 'neutralizzando'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente di chimico per me, please.
      Tanto non serve.
      Mi faccio assorbire dalla stanchezza. Tutto qui.

      Elimina
  3. Mia capita spesso anche a me, siamo stanche, qualche volta penso che se esistesse uno "stancometro", la mia misurazione supererebbe sempre i limiti consigliati. Baci Brunella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero.
      E' che non so se sia sano, Brunella. Prima o poi si crolla, temo.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.