29 luglio 2013

Se lo condannano

La condanna è un'ipotesi. E neppure troppo fantastica. Lo sa anche lui. Ovviamente fa e farà il martire, a prescindere. Andrà in carcere? E quindi? Non è un cittadino come tutti? Alla sua età ci sono i domiciliari. Funziona così. Anche per chi si crede intoccabile (o solo immortale?). I suoi adepti scalpitano e furoreggiano, persino più di lui. Rasentano il ridicolo ma non se ne preoccupano, come sempre. D'altro canto pensano alle loro carriere e a poco altro. Dopo la condanna lo faranno santo e vincerà le elezioni senza apparire neppure in TV. Ergo: tutto cambierà per restare com'è. Amen.

[foto by Anemiasymptom]

18 commenti:

  1. uhm... resta da vedere se sentenziano pre o post ferie, ma intanto godiamoci i prolegomeni (parola impara poco fa) perché il seguito sarà da delirio comunque vada a finire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente rimanderanno anche questa decisione.
      Sembra che rimandare sia una tendenza piuttosto diffusa di recente.

      Neanche io conoscevo questa parola. Ma tanto so che la dimenticherò tra pochi istanti!

      Elimina
  2. La tua analisi è molto giusta. Purtroppo.

    RispondiElimina
  3. La condanna era stracerta fino a qualche settimana fa, ma le recenti dichiarazioni, interviste e smentite parziali del nostro condannando mi fanno sorgere dubbi assai voluminosi. Penso che ci sia sotto sotto qualche scappatoia all'italiana di cui non vediamo bene i contorni. Tutto mi sembra caricato ad arte perché lui (sì LUI) vinca le prossime elezioni pur senza comparire in TV una sola volta. Il buonismo degli italiani lo conosciamo: anche quelli che ancora oggi gridano slogan contro di lui, fra qualche mese sarebbero tra coloro che ne giustificano l'operato e che ne deprecano la condizione di trattenuto, poverino alla sua età e chi più ne ha ne metta.
    Non implodrà il PdL, ma sarà il PD a far saltare questo governo. Si è ben visto per l'elezionde del Presidente della Repubblica di cosa sono capaci questi qua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo sul fatto che in qualche modo cercheranno una scappatoia per non condannarlo. Anche se a me piacerebbe proprio che questa volta venisse condannato. Poi succederà quello che ho scritto, ma vuoi mettere!

      Elimina
    2. L'idea di andare in carcere gli è passata per la testa e sarebbe una soluzione ancora brillante, da eroe antico...ma non andrà. Il dramma sarebbe se le minchiette che siedono nei due rami del parlamento e che appartengno al PdL mettessero in atto quello che hanno più volte minacciato, ritirandosi su un troppo comodo Aventino e lasciando il Paese nel caos. Quella sarebbe la fine del PdL, non la condanna del fondatore.

      Elimina
    3. Anche la fine del Pdl non sarebbe male. Uno sfacelo totale (nano + "michiette") sarebbe un sogno. Ma non avverrà mai nulla del genere.
      Siamo in Italia, non in un romanzo col lieto fine!

      Elimina
    4. Mai disperare, Euri; però rammenta che morto un papa se ne è fatto sempre un altro, che spesso era peggiore del precedente. Non vorrei portare male, ma questi qui (le "minchiette" intendo) le conosciamo: in fondo sono abbastanza innocue.

      Elimina
    5. Dici che c'è in giro un nano più malefico di questo? E che potrebbe prendere il suo posto?

      Forse hai ragione. Però questo motivo non è sufficiente per farmi accontentare di questo.

      Elimina
  4. I suoi adepti hanno minacciato di abbandonare il parlamento, adesso, però, non so in che senso...perché per quel posto loro venderebbero, o hanno venduto, l'anima al diavolo. Chissà che bello sarebbe vedere questa fazione estinguersi per sempre. Staremo a vedere.

    PS
    Curiosissimo di sapere il tuo parere su Controcorrente che hai in lettura. Io spero davvero che ti piaccia, rappresenta il manifesto del decadentismo. Molto ricercata anche la scrittura.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari lasciassero il Parlamento. Ma anche il Paese, il Continente e persino il pianeta. Non mancherebbero a nessuno (a me no di certo!)

      Ho solo preso "Controcorrente" e messo sul comodino. Arriverà la recensione, immagino.

      Elimina
  5. quando sento un giornalista o leggo una notizia in cui si avanzano delle ipotesi, quindi con grande uso di vocaboli tipo: potrebbe, sarebbe, se accadesse, nel caso che ...
    qualcosa mi impedisce di proseguire ad ascoltare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, Pier.
      Anche perché i giornalisti gongolano da matti quando vengono a crearsi situazioni di questo genere. E figurati cosa accadrà quando la sentenza sarà comunicata!

      Elimina
  6. Non penso niente fino a che non c'è la sentenza. Poi si vedrà.

    RispondiElimina
  7. fino a quando questo paese sarà ostaggio di un solo uomo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne ho idea, silvia.
      Però forse siamo alla fine!

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.