7 maggio 2013

L'ideale è un'idea

L'ideale è un'idea, per questo non esiste. Ha forma di fiato e volute di fumo, proprio come un sogno. L'ideale c'è come pretesto al poco probabile, come scomodo appiglio per le stelle. Può avere sconfinata bellezza e un'armonia che non appartiene al mondo. Si mescola all'intuizione e prende forma dall'immagine di ciò che non è. Per questo pretende ispirazione e si ciba di soli pensieri. L'ideale scava il confine del desiderio, lo depone per  farlo divenire promessa. Un piacere perfetto o una maledizione fatale. Proprio come tutto ciò per cui vale la pena esistere.

[foto by xavierrey]

12 commenti:

  1. In un mondo ottuso in cui tutto quello che conta è avere successo e danaro; in cui genitori incapaci regalano al quarto compleanno del loro bambino un cellulare o una play station; in cui a 17 anni si ottengono i soldi da papà per fare la patente, e poi un anno dopo per pagare le rate della nuova auto; in cui le mamme portano le loro bambine di tredici anni dalla ginecologa perché le prescriva la pillola anticoncezionale; ebbene in un simile mondo castrato e deforme c'è ancora spazio per gli ideali? Sembrerebbe di no, ma io sono convinto che tanti di noi, magari di nascosto, ne coltivino dentro almeno un paio di quelli buoni, e vivaddio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tanti parlano di ideali. Pare che oggi non ce ne siano più. Pare che i più giovani non ne abbiano, pare che i meno giovani non ne vogliano.
      Io, per quel poco che conta, ne ho qualcuno. E me lo tengo ben stretto.

      Elimina
    2. Esattamente come la penso io. Teniamo duro, mala tempora currunt, ma alla fine dovrebbe splendere il sole anche per noi.

      Elimina
    3. In realtà nutro parecchi dubbi in merito.
      Nel frattempo cerco di andare avanti comunque, caro Vincenzo!

      Elimina
  2. SE dovessi definire in qualche modo l'ideale di un articolo sull'ideale prenderei a prestito quello che hai scritto tu.
    Ti ammiro per questo e non capisco ma stamattina non ha nessuna importanza perchè se leggo che "L'ideale scava il confine del desiderio..." mi commuovo e tutto il resto passa in secondo piano. Bravisssima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mille grazie, enzorasi.
      Se poi mi dici che sono braviSSSima con ben tre S, vuol dire che sono brava davvero.
      Sorrido...

      Elimina
    2. Un attimo prima di fare clickmi sono accorto della terza esse: non ho voluto correggere e tu sai perchè. Resti bravissima ugualmente.

      Elimina
    3. Guarda che stavo scherzando.
      Ci sono errori che sono solo palesi refusi di digitazione ed altri che sono palesi mostruosità...
      Questo appartiene, evidentemente, al primo gruppo.

      Elimina
  3. Gli ideali sono figli dell'immaginazione e della fantasia, sono un anelito, un progetto di vita migliore, una speranza, una ricerca.
    Le ideologie invece sono il sarcofago degli ideali.
    Splendido post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ideologie, a volte, divorano gli ideali. Li scarnificano e li riducono in cenere.

      Grazie ruhevoll.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.