20 maggio 2013

Le parole che dico di carne

Ci sono parole che non vanno dette ad ogni costo. E sono quelle le parole che dico di carne. Trapassate da capillari, parole che respirano, si muovono, pulsano e si lasciano toccare. Basta morderle o succhiarle. Premerle, appoggiarle o semplicemente abbandonarle a se stesse. Sgranarle tra le dita come un rosario o infilzarle con le unghie come una ferita. Non serve altro. Neppure dirle, appunto. Il fiato non basta o non serve. La materia le grida a prescindere. Non si tarlano né si camuffano. Non tradiscono e non si fanno tradire. Sono lì e si fanno udire. Per chi vuole ascoltarle, s'intende.

[foto by NegativeFeedback]

4 commenti:

  1. Vengo dall'aver letto un bellissimo post "bucolico" di Silvia e mi trovo davanti questo tuo bellissimo post ai limiti della filosofia della parola. Che avete mangiato ieri? Roba buona assai.
    Le parole sono di carne, di pelle, di ossa, a volta di escrementi; insomma le parole sono materia umana, palpabile, annusabile, degustabile, digeribile e a volta indigesta e da rigettare.
    l'ultimo capoverso è decisivo: "per chi vuole ascoltarle (le parole naturalmente), s'intende".
    Purtroppo ho l'impressione che la gente stia ad ascoltare attentamente solo le parole che vuole, o che crede siano buone per continuare a fare questa vita da guardoni e da ascoltoni. Le parole importanti invece non le ascolta nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Filosofia della parola?
      Non esageriamo eh...

      Ieri ho mangiato dei ravioli. Silvia, non saprei.

      Molte parole sono materia viva. Che poi si tenda a non ascoltarle, è un problema che si percepisce spesso.

      Elimina
  2. mi hai fatto ricordare che, qualche notte fa, ho sognato di diventare muta (ma non sorda) e, che buona parte nel sogno l'ho trascorso a constatare che, il più delle volte quando mi trovavo con qualcuno, dover tacere era esattamente lo stesso che avrei fatto o facevo quando disponevo ancora del dono della parola.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.