29 marzo 2013

Impegnativa

Qualcuno mi definì impegnativa. E non voleva essere esattamente un complimento. Anzi. Era la perfetta essenza di uno sforzo da non sostenere. Impegnativa lo sono. Perché non richiedo nulla di meno di quello che so dare. Perché rendersi sacri è regola a cui non mi sottraggo. Impegnativa perché non mi lascio avvicinare a prescindere ed ho affinità solo con esseri pensanti: quelli in cui mi rifletto. Sono un sentiero di spine, un percorso tortuoso lungo il quale si incontrano mostri ed altri prodigi. Sono anche un labirinto di malesseri senz'anima e prepotenze di bambina.

[foto by S-t-r-a-n-g-e]

10 commenti:

  1. Ehi, tu: ma non sarai mica il mio clone?
    Impegnativa non era un complimento: quando lo dicono a me sottintendono "insopportabile".
    Io non ho ancora capito cosa ci sia di tanto insopportabile in quel che sono: io do molto, anche se -lo ammetto- non so darlo, non in modo evidente e solo pochi eletti lo capiscono e gli danno il giusto valore. Non chiedo nulla in cambio, ma mi aspetto non la riconoscenza, che fa schifo sempre, ma la stima e se possibile l'affetto. L'amore è una parola troppo "impegnativa" appunto.
    Io so di valere e quindi mi faccio tirare la calza, come si dice, mi rendo sacro per citare te.
    Affinità con esseri pensanti, sembra una battuta, ma è un'amara verità. Pochi lo sono, per fortuna il web me ne ha fatti incontrare alcuni e me li tengo stretti.
    Le ultime quattro righe mi hanno fatto sorridere a lungo: le taglio e me le attacco sul petto e sulla groppa, cambiando solo l'ultima vocale da "a" in "o".
    Ciao clone fortuito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tuo clone?
      Cos'è? Una minaccia?
      Scherzo, ovviamente.

      A quanto dici sembra proprio che noi ci somigliamo parecchio. Non credo di essere insopportabile. Almeno nessuno mi ha mai definito tale... non che io sappia. D'altro canto quello che si dice alle mie spalle mi è ignoto e, per lo più, indifferente.

      Dunque: nemmeno io chiedo esplicitamente nulla in cambio. Ma mi aspetto la controparte di quanto do o, quanto meno, un tentativo.

      Di esseri pensanti ne conosco diversi. Ma solo perché, come te, li ho salvati dal resto. Non sai quanti scarti ho abbandonato nel frattempo!

      Elimina
  2. Scalare una montagna è impegnativo.
    Se raggiungi la cima in elicottero è più facile,
    ma ciò che provi una volta in vetta non è la stessa cosa,
    e nemmeno ci assomiglia.
    Vivere è impegnativo.
    Puoi anche lasciarti vivere,
    ma non è la stessa cosa, e nemmeno ci assomiglia.
    Il tuo post si sarebbe potuto chiamare "apologia della fatica"-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla persona che mi disse "sei impegnativa" sottolineando la fatica che comporto, spiegai che a volte avventurarsi per una salita di montagna, sfiorare burroni, attraversare foreste e sentire le vertigini dell'altezza può costare di più ma rende sicuramente la vita più intensa e degna.
      Ma lui (perché, ovviamente, si tratta di un uomo) preferiva le autostrade: dritte, piatte, monotone e prevedibili.

      Elimina
    2. mamma mia!
      se preferiva un'autostrada vuol dire che era un casello: alla larga!

      Elimina
    3. E' scappato, ovviamente.
      Gli auguro di aver trovato la freeway che desiderava.

      Elimina
  3. normalmente chi dice: sei impegnativa!
    lo fa proprio perchè non ha voglia di impegnarsi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto!
      Infatti non voleva impegni particolari. Non sul serio, almeno.

      Elimina
  4. i tempi cambiano!
    pensa che quando ero giovane io si diceva "è un/a giovane impegnato? intendendo dire che aveva molte attività, ma soprattutto che si prodigava in qualcosa di nobile e di alto contenuto.
    (per fare un esempio oggi si potrebbe tradurre in: "è un grillino". pensa come siamo messi!)
    poi son cresciuta e quel termine l'ho ascoltato misto a una punta di dispiacere "è impegnato/a" per dire che quel/la 'bella' persona era occupata sentimentalmente.
    ora che son vecchia al più mi capita di sentir parlare di 'impegnativa' nel senso di prescrizione medica.
    in ogni caso, c'è una discreta differenza tra il definire qualcuno 'impegnato' o 'impegnativo'.
    nel primo caso, ci sta.
    nel secondo, invece, ci sta o potrebbe stare una risposta del tipo: 'qualcuno ti ha chiesto qualcosa?' ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'analisi dettagliata dei vari sensi che la definizione può avere.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.