8 febbraio 2013

Serpe in seno

La cattiveria in sé è anche piuttosto stupida. Perché genera solo altre perfidie, svilendo quella miseranda porzione di giusto che, per forza o per impulso, anche i cattivi si portano dentro. Non ho mai sopportato le vendette né l'astio partorito da rancori senza radici. Così che le biforcute rappresaglie di chi non ha argomenti veri si tramutano in diffamanti supposizioni suggerite ad un orecchio che ascolta solo quello che vuole ascoltare. Il maligno si fa ancora più meschino perché striscia e sibila nella polvere e nei sussurri rivestendosi di una coltre di sorrisi ibridi e di occhiate traverse e fasulle. Ovviamente non dura e non può durare.

[foto by silversmith]

10 commenti:

  1. Non per nulla c'è un detto antico che recita: dagli amici mi guardi Iddio che dai nemici mi guardo io. Ne avrai incontrati anche tu, come tutti, e sono i nemici più insidiosi: i falsi amici, che poi vedi caso sono soltanto invidiosi di te, della tua bellezza, del tuo successo scolastico o con le ragazze, della tua intelligenza, e sono maledettamente scaltri, furbi, usi a nascondersi abilmente "rivestendosi di una coltre di sorrisi ibridi e di occhiate traverse e fasulle", per citare un'autrice che mi piace molto.
    Non ho ancora capito perché le loro vittime, sempre assai più intelligenti, sistematicamente soccombano a questi inganni e collaborino con la loro ingenuità al loro successo.
    Siamo noi gli sciocchi, ne sono convinto, forse perché infantilmente convinti che la gente, gli altri, siano fondamentalmente buoni e generosi.
    Mi è venuta spontanea questa riflessione leggendoti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cattivi mi danno i nervi. Il post che hai letto è nato dall'osservare una situazione che, per fortuna, non mi riguarda direttamente. Coinvolge persone a me vicine ed io le osservo a distanza di sicurezza.
      La "vittima", in questo caso, è molto più intelligente, colta, determinata e forte del "carnefice" ma, come dici tu, potrebbe soccombere perché alla slealtà e alla vigliaccheria non c'è rimedio. Quasi mai.

      Elimina
    2. Appunto, slealtà e vigliaccheria che non ti aspetti da persone che invece ti dovrebbero essere amiche o almeno non nemiche. Invece prendi tutte le cautele da quelli che notoriamente ti sono avversari, che anche se non profondamente cattivi temi possano farti del male. Mi ha colpito quel tuo osservare a distanza di sicurezza, quasi con indifferenza. Dato che ti ho capita l'indifferenza non ti si addice quindi potresti trovarti in una situazione di stallo perché costrettavi dal dubbio di provocare maggior danno col tuo intervento, come mi trovai io tanti anni fa, quando scoprii che la ragazza di un mio carissimo amico andava anche con altri.
      Glielo dico e mi rovino l'amicizia, oppure no?
      Presi per il cravattino lei e le dissi che avrei detto tutto al mio amico. Immagini cosa sia successo? Non ci potevo mai arrivare: lei andò a dire al mio amico che io l'avevo sessualmente importunata. Per fortuna lui non le credette e mi venne a chiedere se sapessi perché lei lo avesse fatto. Io allora glielo dissi e lui la piantò.
      Ma, come dici tu, la cattiveria non conosce confini ed è sempre viscida e nascosta, come una serpe velenosa.

      Elimina
    3. Appunto: è una serpe velenosa che, purtroppo, si annida in tutti gli ambienti e tra tutte le cerchie di persone. Tra gli amici, sul luogo di lavoro, tra le conoscenze...

      Mi tengo ad una certa distanza perché la cosa, in sé, coinvolge persone che non mi hanno coinvolta e non mi hanno interpellata. Se dovessero mai farlo, farò sentire la mia voce e darò il mio "parere". Stanne certo!

      Elimina
  2. Le persone intelligenti tendono sempre a dialogare e a confrontarsi per crescere, magari anche cambiando idea, ma basta uno stupido per interrompere questo magnifico processo. Ergo bisogna ignorare gli stupidi, possibilmente rendendoli innocui, poichè troppo spesso lo stupido è anche violento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto è che gli stupidi, essendo stupidi, non si rendono conto dei danni che fanno. Procedono imperterriti nella loro condotta stupida e travolgono anche quel poco di buono che può esserci.
      Renderli innocui, se cattivi, non è semplicissimo.

      Elimina
  3. la malignità è vigliacca ... lo dici bene.
    Non è facile da prevedere e prevenire ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è vigliacca, sporca, subdola, infima. Ma è anche molto idiota.
      Bisogna gestirla con intelligenza e, se serve, con le maniere o con le parole forti.

      Elimina
  4. Meno male che non dura e non può durare. La cecità dei stupidi invidiosi vendicativi gli porta alla rovina di loro stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte, però, prima di rovinare loro stessi, gli stupidi invidiosi e vendicativi fanno un sacco di altre vittime.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.