22 gennaio 2013

Altissimo raglio

Cercando col muso tra i resti di un carro di carnevale, l'asino scoprì una enorme testa di leone: vi infilò dentro la sua e, mezzo accecato da quella testa di cartapesta che intorno alla sua si muoveva come un cappello in cima a un bastone, uscì per i campi ragliando di gioia. Galoppando, entrò in mezzo a un gregge tranquillo, arruffandolo di spavento e di confusione. Subito però il castrato più anziano capì di che si trattava. "Sei il signore di noi tutti" belò; "disponi di noi come vuoi". L'asino accettò l'omaggio con altissimo raglio. E un agnellino osservò allora al castrato: "Ma è soltanto un asino". E il castrato: "Stupido, lo so bene che è un asino. Bisogna però trattarlo come un leone, se non vuoi che i suoi calci ti piovano sulla schiena. Quando il padrone verrà a riprenderlo, sapremo come chiamarlo".

Leonardo Sciascia da "Favole della dittatura"

[foto by FenPixie]

10 commenti:

  1. Si adatta a tanti che adesso fanno il vocione e che tra un po' sentiremo belare. La nostra bella Italia è piena di cialtroni, che, guarda caso, si sono quasi tutti concentrati nell'area politica. Sta cosa è comica: se fossi un pittore, uno scrittore, un musicista non potresti nasconderti dietro testoni di cartapesta, perché i critici,gli editori seri, i visitatori di gallerie, gli ascoltatori ed amanti della musica ti strapperebbero via il capoccione finto e finiresti dove ci sono quelli come te che non valgono nulla.
    Se fossi un ingegnere, un architetto alla prima costruzione fatta male dovresti cercarti un altro mestiere.
    Se invece fossi un politico potresti raccontare tutte le stupidaggini possibili, fare tutte le promesse che poi non riusciresti a mantenere, fare danni al governo e malgrado ciò andartene in giro con la tua bella capocciona di cartapesta sorridente a 64 denti per la maggioranza finti. E questi fantocci saranno rieletti, mettiti il cuore in pace Euri.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua considerazione è pertinente, ma il mio post va inteso, purtroppo, in senso più ampio perché di somari che indossano teste da leoni fingendosi potenti e forti ce ne sono tantissimi. Anche in ambienti meno famosi di quelli di cui tu parli.

      Elimina
    2. Mi sono limitato a categorie la cui somaraggine sta sotto gli occhi di tutti. Certo che di somari ruggenti ne ho incontrati tanti, ma, come scrisse il sommo poeta "non ti curar di lor ma guarda e passa".

      Elimina
  2. E' per quello che i suoi accoliti lo lasciano fare e disfare: solo che per paura di perdere la poltrona ci perdono la faccia.
    è un pò come la favola dei vestiti dell'imperatore, no?
    peccato che la realtà sia sempre molto peggio delle favole: mai una volta che vinca il bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente non vedo e non sento nessuna storia a lieto fine. Nemmeno al cinema, guarda un po'.
      Il bene non vince da un sacco di tempo. Si sarà stancato!

      Elimina
    2. Care amiche, il bene lo stiamo distruggendo noi, chi attaccandolo barbaramente, chi non difendendolo per viltà.
      Io sono debitore con entrambe voi della vostra voce libera, della vostra sincerità.

      Elimina
  3. non si può cambiare la propria natura, ed è difficile mascherarla. Dolce sera mia.
    Agart

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è tanto difficile mascherarla. Basta scegliere la maschera giusta. Ovviamente si deve essere bravi ad indossarla. Ma i somari restano somari, anche se si vestono da leoni. Il resto lo fanno gli altri: proprio come il castrato anziano della "favola" di Sciascia.

      Elimina
  4. dopo aver letto questo post cosi realista,
    mi sono chiesto se per caso Leonardo Sciascia
    non fosse stato un mio collega...

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.