16 gennaio 2013

All'ombra di un mentre (*)

Non c'è nulla di momentaneo in questo mentre. Sembro partorita da millenni e ciò che vivo potrebbe essere solo il capriccio dispotico di qualcun altro. E' un'attesa svuotata dal tempo, una sospensione che si fa esile ma non sussulta. Aspetto, forse. Segni, ferite o scomposizioni? Cercare non è mai stato il mio forte e con l'affollarsi delle rughe ho imparato a memoria i tragitti della pazienza. Possiedo solo ed esattamente ciò che sono eppure non serve. Se avessi una sponda di fiume potrei sedermi a guardare come finirà o come finirò. Nel frattempo mi nutro di questo mentre e formulo domande senza soluzione.

[foto by ParallelDeviant]

(*) Mia Couto

8 commenti:

  1. Bello sì, un poco ermetico, che non guasta, quel tanto che basta, non di più. Questo è il segreto di ogni vero artista.
    Tu non lo hai scritto, ma lo hai scelto e portato alla mia conoscenza, e non solo alla mia. Di questo ti sono grato.
    No, il mentre non è momentaneo, chi lo usa come un avverbio e basta commette un sacrilegio. Mentre è in sintesi il senso della vita: mentre respiro io vivo; oppure mentre il tempo (e la vita) passa io penso, cosa che è di certo la parte migliore di me.
    Mentre (ogni mentre, mentre all'infinito da scrivere mentre con la enne minuscola come esponente)è un ponte sul tempo, dove conosciamo una base di appoggio e ignoriamo l'altra.
    In toto: mi piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' ermetico. Hai ragione. Per questo non pretendo che tutti comprendano. Di tanto in tanto scrivo solo per me e per me sola. Non pretendo risposte, è chiaro.

      "Mentre" pare contenere tempi infiniti e pazienti attese. Funziona da appoggio, come scrivi. Proprio come un albero sotto la cui ombra ci si riposa.

      Elimina
  2. Che bella l'immagine della sponda del fiume sulla quale ti siedi a vedere come finirà. Magari potrai specchiarti nell'acqua e fare un po' come Narciso e pensare solo a cose belle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Narciso non ha fatto una bella fine...
      Comunque in questa fase non penso a cose belle!

      Elimina
  3. Pardon...
    so che s'innamorò di se stesso, un invito che ogni tanto faccio alle persone per non pensare a cose brutte e dedicarsi a se stessi. Il resto della favola mitologica non lo conosco ma è ovvio che se lo avessi saputo non te lo avrei scritto. Come potrei augurare la brutta fine di Narciso alla mia adorata Euridice?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mito spiega che Narciso, innamorato della sua immagine e rendendosi conto di quanto il suo amore fosse impossibile, si è lasciato morire.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.