20 dicembre 2012

Con-Dominio

Della vita condominiale so poco. Anzi nulla. Perché per la prima volta mi trovo a "dominare-con". Leggo, passando, i sibillini e sempre anonimi messaggi appiccicati dalle parti di una striminzita bacheca di vetro. Lamentele, rimproveri, richiami all'ordine, al silenzio e al senso civico. Che poi lo si faccia ricorrendo a qualche parolaccia (giuro!) scritta con appassionata enfasi e poco prima di un sentito augurio di buone feste non può che farmi sorridere. Meglio: ridere. E penso al condominio come ad un microscopico cosmo. Tutto umano e, per questo, tutto sbilenco e un po' vigliacco.

[foto by codyshane4]

22 commenti:

  1. l'esperto di vita e messaggi sub_dominiali è Pier:)
    io invece sono l'addetta alle risoluzioni extra domiciliari;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ti chiederò consiglio non appena inizierò ad avere problemi con i vicini di casa!

      Elimina
  2. La mia vita è tutta in appartementi condominiali, quello di adesso ha ben 54 nuclei familiari e la lingua italiana è assolutamente minoritaria. ma ricordo ancora con gioia la portinaia del condominio dove son nato e cresciuto e purtroppo morta qualche tempo fa. sapeva tutto di tutti ma aveva un cuore immenso per degli sventurati come me e i miei amici/amiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho mai vissuto in un condominio e non so ancora se sia capace di farlo. Per ora non ho avuto problemi e non conosco nessuno, tranne una mia amica che vive qui da un paio di anni.

      Elimina
  3. il condominio dove abito è piccolo, 12 porte, alcune pure vuote.
    ma nonostante tutto si trova sempre qualche bega da inanellare.
    Con il tempo e l'esperienza ho imparato che è meglio mantenere tutti a debita distanza, insomma gentili ma con distacco.
    Che troppa confidenza rovina la riverenza.
    Certo ci sono le eccezioni ma sono talmente rare che non è il caso di menzionarle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho notato, infatti, che qui sono tutti un po' diffidenti. In certi momenti penso che sia salvifico, ma venendo da un posto dove tutti si conoscono, parlano, si salutano, si raccontano e si aiutano, tanto distacco mi sembra tristissimo.
      Non dico che ci si debba trattare da amiconi, ma questa sorta di gentile freddezza mi fa un effetto un po' strano.

      Elimina
  4. Ben entrata nel mondo dei con-dom!!!
    Fra poco ti accorgerai di che bella gatta da pelare ti è capitata tra le mani. Tu che sei così logica e così intelligente fatti subito un idea: non rispondere mai al volo alle cazzate sparate a ritmo convulsivo da gente che crede di parlare come la Bibbia; conta fino a dieci e poi, se ci riesci, dì la tua con molto garbo.
    Questo era il punto primo.
    Per secondo: Se si rompe una tegola all'ultimo piano e bisogna rifare il tetto, cosa che teoricamente non riguarda te che abiti al primo, tu devi cacciare la tua quota in base ai millesimi del tuo condom.
    Quando toccherà a te avere un problema capirai che tu sei stata fin troppo onesta a pagare la tua quota per il tetto, perché tutti faranno un gran casino per non pagare la loro parte per il tuo guaio.
    Se poi tra i tuoi con-condom ce n'è qualcuno che ti va sul gozzo a pelle, fai finta che te lo sei sposato con rito cattolico e che quel matrimonio è indissolubile.
    Euri, ti auguro taaaaaaanta fortuna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco le regole, più o meno logiche, di un condominio. Il palazzo è molto recente per cui spero che, almeno per diversi anni, non avremo problemi con il tetto né con altri pezzi dell'edificio.
      Nel caso: sono prontissima a discutere con chi serve discutere. Figuriamoci!

      Elimina
  5. Una delle più belle realizzazioni della mia vita è quella di essermi liberato del condominio. Per ottenere questa libertà non ho esitato a "svendere" il mio appartamento, ci ho guadagnato in salute psichica.
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, magari anche io, un giorno, tornerò a vivere in una casa che non prevede l'esistenza di un condominio. Una casa perfetta. Di quelle col giardino, degli alberi, un cane e diversi gatti...

      Elimina
    2. Anche a me piacerebbe una casa come quella che dici tu però forse preferirei un palazzo con un cortile interno o una casa di ringhiera come quello dove ho vissuto per un certo periodo a Milano. lo dico da isolazionista ma mi piace quel genere di scambi umani, furibondi, di mutua assistenza che si creano in determinati universi abitativi.

      Elimina
    3. Di mutua assistenza, in un condominio, ne vedo pochissima, sinceramente. Forse è solo questione di tempo. Non conosco nessuno e nessuno mi conosce. Ma forse tra qualche mese le cose saranno diverse e avrò fatto amicizia con qualche abitante di questo palazzo.

      L'idea di una casa "vera" (come dico io!) non decade: un giardino con alberi e gatti è un bel sogno.

      Elimina
  6. io invece ho fatto il contrario: ho svenduto la mia vecchia casetta per un appartamento nuovo in condominio e ci ho guadagnato in salute, almeno per ora. Ma leggo con interesse sia il post intelligente e divertente , sia i commenti:) da Libero ti seguo da quando il nick ti é stato donato, addirittura;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse il miglioramento è stato il passaggio da un vecchio ad un nuovo. Lo capisco.

      Nessun nick mi è stato donato. Ho sempre scelto da me sin dai tempi di "monnalisa_e_nebbia". E tu chi sei?

      Elimina
  7. Mai vissuta in condominio,
    forse per questo ne immagino meglio di altri i lati positivi, tra i quali un certo senso di sicurezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso aggiungere una nota? Capisco Silvia, con quello che si legge sui nostri giornali e che i telegiornali trasmettono quasi ogni giorno di fatti come quello di Lignano. Se dovessi comperare una casa lo farei qui in Germania, con un pezzo di giardino, magari a 100 metri dalla prossima, mi sentirei comunque sicuro. In Italia solo un appartamento in un palazzo di cinque piani e io me ne starei al terzo, il più equamente protetto dal basso e dall'alto.

      Elimina
    2. Senso di sicurezza?
      Uhm... non so Silvia.
      Se hai un killer seriale come vicino di casa non sarebbe mai una vita sicura. Rido!

      Elimina
  8. fino al 2004 ho sempre abitato in condominii...
    poi botta di cu...ore ho trovato una piccola casetta in centro
    ma è come se fossi in campagna vista la tranquillità nella
    quale è immersa...
    ormai abituato a fare quello che voglio non so se ritornerei
    più indietro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente non tornei indietro nemmeno io, al posto tuo.
      Se hai tranquillità in una casa singola, fai benissimo s restare dove sei.

      Elimina
  9. Ti volevo fare gli auguri cara! :D

    RispondiElimina
  10. Non ho tanto capito perché è uscito "il matto", mi sarò registrato così 100 anni fa. Sono Matteo, quello di MatteoGrimaldi.com (dal menu a tendina non mi fa più selezionare Nome/URL). Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Matteo!
      Grazie per gli auguri, che ricambio.
      Non preoccuparti per "il matto". Ora che lo so puoi anche non specificarlo.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.