9 novembre 2012

Sulla coda dei giorni

Questi giorni si consumano senza che io ne sappia nulla. Li vedo accendersi e spegnersi mentre sono occupata a fare altro. A prendermi cura di chi si è sempre preso cura di me. A seguire orari millimetrici e incastri che devono collimare con altre intersezioni per essere dove devo e fare ciò che è necessario. Il resto lo strappo via a morsi. Graffio dalla coda dei giorni un po' di quel tempo che la mia urgenza di scrivere e pensare reclama scalpitando. A volte però non mi resta nulla. E la stanchezza mi lascia ristagnare, impoverita, in una sterile coltre di rimandi e posticipi.

[foto by intao]

12 commenti:

  1. Ti capisco al volo. Io mi trovo in uno stato psicofisico pari a quello di uno zombi e mi sposto di stanza in stanza strascicando i piedi, quasi a voler battermi il tempo della noia. "Il resto lo strappo via a morsi" scrivi. Io il mio resto lo prenderei a calci, ma mi viene sempre dietro, eppure mi dovrei sentire un leone: sto scrivendo un romanzo in cui credo e che voglio finire entro quest'anno, per avere il tempo di rileggerlo a fondo.
    La mia prima storia con un happy end, pensa tu. E invece mi sento un cagnaccio randagio pieno di pulci. Effetto della stagione di autunno, che è quella che più odio? Forse, ma a questo autunno segue poi l'inverno, quindi di male in peggio.
    Consolati Euri, consoliamoci anzi: di sicuro c'è chi sta peggio.
    Magra, magrissima consolazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è chi sta peggio. Lo ripete spesso anche mia madre. Ma non riesce sempre a darmi l'energia che servirebbe. E' che quando mi "tagliano" il tempo che mi è necessario per sopravvivere nel mio cosmo, mi sento frustrata e impotente. E mi deprimo!

      Elimina
  2. e noi ci rallegriamo ovvero approfittiamo di questi momenti, prendendoci il tempo di leggerti come potremmo fare guardando una foglia cadere.
    del peggio ne abbiamo a bizzeffe, del meno peggio abbiamo due mani per contarne il numero e con l'andare degli anni la conta li esaurisce in periodi sempre più lunghi e chissà se a fine anno serviranno entrambi o ne basterà una sola?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace essere letta come una foglia che cade.

      Elimina
  3. è il tempo che ci consuma, e non lo si può fermare. Sopravviviamo.
    Dolce sera mia

    RispondiElimina
  4. "Prendersi cura di chi si è sempre preso cura di me"
    E' un giro di boa notevole, nella vita.
    Benvenuta in prima linea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giro di boa notevole, sì.
      Comporta responsabilità, ulteriore senso del dovere. Ma anche amore. E nervosismi e qualche sclero, lo ammetto!

      Elimina
  5. "A volte però non mi resta nulla..." Ecco, appunto. Il Nulla è tutto ciò che resta dopo che si sarà esaurita tutta l'energia che tiene accesa l'illusione di questa vita virtuale in 3D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, veramente, sono rimasta al 2D. Ma non me ne faccio una colpa!

      Elimina
  6. Fattene almeno una copia!

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.