22 novembre 2012

Figli & Facebook

Lei è contentissima di far vedere le foto dei suoi due bambini attraverso Facebook. Lui di cinque anni, lei di pochi mesi. Immagini che mostra con una leggerezza che mi spaventa. Solo foto, dirà qualcuno. Ho capito, ma sono bambini e non possono scegliere se starci o meno su Facebook. Spalmare in Rete i loro sorrisi, la loro ingenua vitalità e le loro giornate non mi sembra particolarmente corretto. Foto alla portata di centinaia di "amici" che, forse, non conoscono realmente né lei né i suoi figli. La scusa che lo facciano tutti non regge nemmeno un po', ovviamente.

[foto by MarinaCoric]

26 commenti:

  1. l'uso improprio dei bambini va oltre l'abuso della loro immagine.
    e se immagino che da adulti miracolosamente vadano a protestare sono certa che sarà fonte di conflitto famigliare.
    lo dimostra il fatto che, anche a spiegarglielo a gesti, il concetto che hai sintetizzato suscita al più sterili sentimenti di indignato stupore e rifiuto.
    fa scandalo il paragone se dico che per molti il dispiacere è quello che un figlio sia differente da un iphone per il fatto che il secondo lo cambi ogni anno e il primo resta per sempre?
    no, perchè a me sembra che sia un po' questo.
    fatte le debite eccezioni, ovviamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che difficilmente uno di questi bambini, da grande, protesterà. Perché sarà stato abituato, da genitori a mio avviso superficiali, a diffondere su Internet la propria immagine e i propri dati come se nulla fosse.
      La leggerezza assassina di queste persone è più che sottovalutata, secondo me.
      Sarebbe necessario che la gente pensasse un po' di più a tutelare la propria privacy e, soprattutto, quella dei propri figli visto che sono minori e vanno protetti in maniera più efficace che mai.

      Elimina
  2. Come la vedo? Alla larga da fessobukko, e da queste pratiche in generale. La Privacy è cosa troppo delicata e preziosa: ci sarà un motivo se pur avendo due splendide nipotine a cui voglio un bene dell'anima non mi sono mai permesso di metterne una foto sul blog. Per certi è quasi un vanto, uno sbandierare le bellezze "prodotte" in famiglia, senza rendersi conto che in questo becero mondo in cui appaiono tutti E QUINDI non appare nessuno, di immagini simili ne vengono caricate un fantastiliardo al minuto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche io penso minimamente a portare le immagini dei miei nipotini su Internet. Per fortuna in famiglia pochissimi sono iscritti a FB, ma c'è un mio cugino e la sua compagna che, se non vado errata, ne fanno un (ab)uso sconcertante.
      Figlioletto compreso!

      Elimina
  3. Ho aspramente redarguito mio figlio per aver fatto la sua testata a faccebucche con la foto dei suoi gemellini, dei miei nipoti insomma. Gli ho detto se per caso fosse scemo.
    Dice, ma perché papà?
    Ma perché chi ti garantisce che non ci sia qualche pedofilo in agguato?
    E poi che diritto hai tu di mettere la foto dei figli tuoi come fossero due cani da caccia, o una coppia di gatti siamesi?
    Fai l'esibizionista coi tuoi figli? Non hai altro da mostrare ai tuoi amici di faccebucche?
    Mi ha messo su un muso lungo fino a terra.
    E chi se ne frega.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può mettere tutti i musi lunghi che vuole, ma tu hai ragione. E, a mio avviso, hai fatto benissimo a fargli notare la mancanza di tutela dei suoi stessi figli.

      Elimina
  4. occorre entrare nell'ottica che "il web è per sempre", come i diamanti.
    Con la differenza che, mentre i diamanti se ne stanno protetti, le cose nostre pubblicate sono alla mercè di tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema, cara silvia, è che questa differenza sostanziale non sembra essere molto chiara alla maggior parte della gente che è su FB.

      Elimina
  5. Cosa dici, Euridice? Magari fosse solo questo! Ti rendo noto che molti bambini si iscrivono su face book con l'aiuto delle proprie mamme. Poiché c'è una soglia di età sotto della quale il social network non ti permette la registrazione, le famose mamme di cui parli fanno affiancamento ai loro figli procedendo con le fasi della registrazione e modificando le date di nascita da inserire. Mi sembra che sotto i 13 anni non ti faccia accedere e loro giocano su questo, cambiando i numeri. Succede sempre. Una tizia che ha fatto una cosa simile è mia cugina, facendo iscrivere la figlia di 10 anni mettendo una data di nascita degli anni 90. Quando ho fatto notare la cosa, la risposta intelligente datami è stata quella di cancellarmi dalla sua lista amici. Oltre all'ignoranza e al degrado si aggiunge la bassezza. E poi si lamentano che in rete girano i maniaci e i malintenzionati. Che non si lamentassero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La circostanza di cui parli mi sembra emblematica. Far iscrivere dei bambini camuffando la loro vera età mi sembra davvero un'azione sconsiderata, per non dire idiota.
      E se tanto mi dà tanto, non mi sorprende la reazione di tua cugina: ennesima conferma di quanto sia poco intelligente.

      Elimina
  6. PS (a parte qualche errore grammaticale mio commento precedente, sono un po' nervoso oggi) Qualche volta potresti formulare l'idea di vedere Napoli. Sono sicuro che la tua sensibilità la apprezzerebbe tanto. È una città ricca di arte, ogni quartiere è come se fosse uno strato di storia con le sue architetture miste e sovrapposte. C'è anche tanta pittura nelle chiese gotiche, barocche, rinascimentali. La quadreria dei Girolamini con l'esposizione delle opere di pittori fiamminghi; i chiostri bellissimi di San Gregorio armeno, San Lorenzo maggiore e Santa Chiara, quello famoso, maiolicato. Una cosa che penso apprezzeresti, è il Cristo velato della cappella di Sansevero, scolpito in marmo con un'arte impressionante. Il mercato dei pastori, poi, è una poesia. È una città ricca di contrasti e questo già lo sai, ma non puoi non vedere il Vesuvio dal lungomare Caracciolo o dall'alto dei giardini di palazzo reale. Napoli va vista una volta nella vita. Pensaci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità un viaggetto a Napoli era già stato pianificato. Io e il mio compagno volevamo trascorrere nella tua città qualche giorno, ma poi tutto è saltato per delle situazioni (mie) familiari.
      E' stato tutto rimandato a data da destinarsi. Andrò a Napoli, prima o poi. Stai tranquillo!

      Elimina
  7. io la penso come te...
    facebook potrebbe anche essere utile se usato in un certo modo...
    il problema è che non ho ancora capito qual'è questo modo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quello che dicono sembra possa servire a recuperare vecchi amici delle elementari.
      Utilissimo, no?

      Elimina
    2. oh guarda, utilissimo!!! e poi?

      Elimina
    3. E poi?
      Non lo so. Io su FB non ci sono!

      Elimina
    4. e non parliamo dell'idiozia "twitter"...
      possiamo cambiare discorso? =D

      Elimina
  8. Non lo fanno tutti. Io no, non ci sono neanche. Mia figlia di quindici anni e mezzo si è appena iscritta, ma con mille precauzioni e una lezione di "tecniche di autotutela" di suo padre.
    Esagerato? Non credo, una mia cara amica, adultissima, è vittima di stalking, non solo virtuale purtroppo, da parte di un idiota accettato ingenuamente fra gli amici, che sa dove lei vive, dove lavora, gli orari che fa, le abitudini che ha, e mette sue foto su tutti i profili nuovi che periodicamente apre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Intanto: ottima scelta quella di impartire alle tue figlie delle lezioni sull'autotutela. Dovrebbero farlo tutti.

      Mi spiace per la tua amica. Purtroppo questi fatti accadono molto più spesso di quanto si immagini. E non se ne esce facilmente.

      Elimina
  9. Euridice, ho pubblicato un post sul mio blog ma qui, su blogspot. Voglio sperimentare se mi trovo meglio qui oppure su libero per funzionalità e impostazioni. Se vuoi, dacci un'occhiata e fammi sapere. Sto esplorando nuovi comandi ma non riesco a trovare quello che mi consente di applicare dei gadget come ce l'hai tu sulla colonna a destra. Se vuoi, aggiungiti anche come follower, così potrai vedere le mie recensioni senza fare il salto da una piattaforma all'altra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto.
      Ho già visto e commentato.

      In bocca al lupo.
      Per i gadget: curiosa un po' in giro tra le impostazioni e le preferenze. Io ho fatto così...

      Elimina
  10. Euri, per ora ti saluto. Se vai sul mio blog c'è una nota, scritta pochi minuti fa, che ti farà capire il perché del mio quasi certo prossimo silenzio.
    Ciao e buona fortuna, ché te la meriti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto il tuo silenzio.
      Ovviamente sarò qui al tuo ritorno. Perché tornerai appena possibile. Lo so.

      Elimina
  11. un'abitudine di molti...anche io la trovo malsana e pericolosa...Tra l'altro preferisco le foto delle mamme, magari in costume da bagno ;))

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.