15 ottobre 2012

La sindrome del macchinone

Il macchinone non si ferma agli stop. O sorpassa dove non si potrebbe. O si avventa su un parcheggio come un rapace. Spesso non rispetta i segnali e fa finta di ignorare le regole di base. Il macchinone è prepotente e dispotico semplicemente perché chi lo guida, spesso, è un (o una) imbecille. D'altro canto il macchinone ce l'ha chi se lo può permettere. E chi se lo può permettere, di solito, è qualcuno o qualcuna con parecchi soldi. E siccome i soldi, in questa era di slogan e voltastomaco, forniscono al portatore un'insolente forma di onnipotenza, tutto si spiega.

[foto by taffmeister]

35 commenti:

  1. se poi pensi che con un paio di rifornimenti al mese (di quelli più "ambiti" e lussuosi) ci puoi quasi pagare lo stipendio di un operaio, li odi anche più volentieri:)

    RispondiElimina
  2. E' pieno d'imbecilli che non sanno guidare o che fanno infrazioni anche che auto di piccola cilindrata. Solo che i macchinoni saltano più all'occhio. E' un po' un luogo comune molto di moda questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente gli imbecilli non sono solo alla guida di macchinoni, ma devo ammettere che osservando cosa accade in strada quando guido, ho la sensazione che quelli che guidano i macchinoni dimostrano di essere di più imbecilli della norma.

      Elimina
  3. era -anche con-, non -anche che-. mi correggo. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuparti.

      P.S. In effetti questo post ha molto del "luogo comune". E proprio per questo è per metà vero e per metà falso.

      Elimina
  4. Se tu circolassi su una qualsiasi autostrada tedesca e volessi occupare per una serie di sorpassi, tipo camion o macchine meno veloci della tua, sentiresti, o meglio avresti modo di vedere nello specchietto retrovisore, l'ebbrezza dell'avvicinamento di un mostro che pista a minimo 40/50 chilometri più veloce di te. I teutoni al volante di grosse Mercedes hanno l'abitudine di pistare fino a 20/30 metri dall'oggetto da superare e poi frenano: tu te li vedi piombare addosso come missili e non so cosa ti accadrebbe nella pancia.
    Riguardo i patreterni che guidano macchinoni ti racconto un fatto cui fui testimone negli anni 60.
    Roma, Piazza Venezia. Allora c'erano due file di parcheggi paralleli al centro della piazza. Un tizio con una Flaminia girava da oltre venti minuti in circolo aspettando che si liberasse un posto. Finalmente una signora entra in una utilitaria e inizia a fare manovra. Il tizio a bordo della Lancia si ferma a rispettosa distanza con la freccia di destra accesa.
    Appena la signora ha liberato il posto e prima che la Flaminia possa occuparlo, piomba dall'altra parte una 500 e si infila nel parcheggio libero.
    Il signore con cravatta e cappotto di cammello esce dalla Flaminia e dice al ragazzo sceso dalla 500 che lui stava lì da mezz'ora a girare e che gli liberi il posto.
    "Caro il mio signore, gli risponde il ragazzo, ma lei non lo sapeva che il mondo è dei furbi?".
    E si accinge ad andarsene,
    Il tizio risale a bordo della Flaminia, fa una decina di metri di retromarcia -in effetti prende la rincorsa- e piomba imballando sulla misera 500. Retromarcia di qualche metro e di nuovo sulla 500.
    "Lei ha capito male, fa al ragazzo che si sta mettendo le mani nei capelli; il mondo è di chi ha soldi, e io ne ho da buttare. Mi faccia causa: avrà i suoi soldi tra dieci anni".
    Non l'ho mai dimenticato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'episodio è molto divertente.
      E, come ha fatto notare Sara, somiglia ad un pezzo di film.

      Elimina
    2. Tutto quello che mi viene mentre scrivo, me lo immagino come la scena di un film che mi scorre davanti agli occhi; ma questo era un ricordo e quindi mi scorreva davanti in quanto tale.
      Lo prendo come un complimento.
      Vedo che hai cambiato logo: questo è bellissimo. Non vorrei sbagliare, ma mi sembra il volto della Madonna delle rocce di Leonardo, o sbaglio?

      Elimina
    3. Beh, i film prendono spesso spunto da episodi reali. Forse è anche questo il caso... chissà.

      La nuova icona, in verità, è piuttosto vecchia. La usavo parecchio tempo fa in un altro blog ed è tuttora quella presente sul mio profilo MSN.
      No, non è il volto della Madonna de "La vergine delle rocce", si tratta di un dipinto incompiuto noto col nome de "La Scapigliata". E' uno dei lavori di Leonardo che amo di più in assoluto. Lo trovo splendido.

      Elimina
    4. Ho messo gli occhiali e ho visto i capelli: sì è quel dipinto lì, mi aveva confuso la piegatura della testa e lo sguardo verso il basso. Ma l'autore non lo potevo sbagliare.

      Elimina
  5. Vincenzo Iacoponi sembra la scena di "Pomodori verdi fritti alla fermata del treno".

    http://www.youtube.com/watch?v=2ED2HUExvh0

    RispondiElimina
  6. Sulla Torino/Milano, che in questo periodo percorro spesso a 130 kmh limite massimo previsto, più volte mi sfrecciano di fianco macchinoni di minchioni che fatte le dovute proporzioni, non vanno a meno di 200/230 all'ora.
    Chi ha i mezzi per sostenere l'acquisto di un mezzo potente, ha i soldi per pagare anche le eventuali multe.
    E buoni avvocati, nel caso in cui dovessero causare disgrazie a causa della velocità.
    Perchè anche la giustizia dipende dal portafoglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto!
      Il principio, infatti, è precisamente quello. Se uno ha i soldi, gode di una onnipotenza che, nonostante gli sforzi e la buona volontà, gli altri "mortali" non possono avere.

      E vale anche per molte altre "categorie" che non hanno timore di fare quello che vogliono, quando lo vogliono e come lo vogliono considerato che, comunque vada, possono permettersi di pagare somme anche importanti in caso di multe, risarcimenti e quant'altro.

      Elimina
  7. Anche lo "SCOOTERONE" dà quella sorta di delirio di onnipotenza. Specialmente in mezzo al traffico di quella caotica Roma che a te piace così tanto. Solo che costa due soldi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo "scooterone" è solo una versione a due ruote del "macchinone". La filosofia di fondo, infatti, rimane identica.
      Costa meno di un "macchinone", ma costa anche quello...

      Elimina
  8. Ho anche due SCARPONI numero 41: usati. Quando li indosso, specialmente se c'è neve a Roma (che a te piace tanto), mi viene il delirio di onnipotenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neve a Roma?
      Non farmi ridere!!!
      Lo scorso inverno per 5 cm la gente e l'intera città sono andate in tilt. Ridicoli.

      Porti 41?
      Non è un po' poco per un uomo?
      E ti basta indossare un paio di scarpe per sentirti onnipotente?
      E' evidente che non possiedi un macchinone.

      Elimina
    2. Il delirio di onnipotenza è provocato dal corpo organico che indosso. Ma non posso negare che anche l'infinito che mi circonda è uno splendido accessorio.

      Elimina
    3. Ed io che ti facevo un novello Mercurio!

      Elimina
    4. Che ne dice Prontalfreddo dei grandi guidatori romani, che con 5 centimetri di neve mettono le catene? Da crepare dalle risate. Io che vado con le mie Michelin Alpin 4 anche se ci sono 25 centimetri! Se la neve è fresca con la trazione anteriore e quel pneumatico vai dovunque. Se c'è ghiaccio si resta a casa.

      Elimina
    5. prontalfredo...
      ma nun'è che sei un pizzardone? =D

      Elimina
    6. No, però so' vigile e guardingo. E quando ho visto che Roma era tutta bianca, pure io ho messo la catena alla ruota motrice dello scooterone. E so'andato a piedi.

      Elimina
  9. ti prego, torna al vecchio avatar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché?
      Non ti piace la Scapigliata?
      Guarda che sono scapigliata anche io. E molto peggio di quella che vedi nell'avatar.

      Sono passata da Tim Burton a Leonardo da Vinci. Non mi sembra tanto male. O no?

      Elimina
    2. eri più "interessante" prima =D

      Elimina
    3. Oh. Mi spiace.
      Ma per il momento preferisco lasciare la Scapigliata.
      Ero un po' stanca della sposa cadavere.

      Elimina
    4. ad essere sincero... mi inquieta più questa XD

      Elimina
    5. Perché?
      E' un volto di donna davvero bellissimo.
      Considerato tra i lavori più intensi e ben riusciti (seppure sia incompiuto) di Leonardo.
      Io ne sono incantata, da sempre.

      Elimina
    6. voto per questo nuovo avatar, bellissimo ritratto di donna che ti ringrazio d'avermi fatto conoscere

      Elimina
  10. Ho uno zio che ha quattro macchinoni giganteschi e fa paura quando li guida...però devo anche dirti che la mia compagna con la sua minipanda è un pericolo pubblico pure lei, molto aggressiva con tutti e tutte, anche se in Svizzera l'aggressività in macchina è rischiosa per i continui controlli e allora è diventata soltanto aggressiva a parole e gesticolando continuamente anche a 30 all'ora, perchè sotto caa c'è il limite dei 30.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi guida in maniera aggressiva e prepotente (quindi spesso anche male) non ha necessariamente il macchinone. E' questione di atteggiamento.
      Ma, secondo me, chi ha il macchinone ha più probabilità di essere prepotente per i motivi di cui abbiamo parlato sopra.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.