26 agosto 2012

Il libraio matto

Il libraio matto vende libri usati. E non è che sia matto davvero. E' solo un po' strano. Parla appiccicando parole, si muove come un bambino e conosce perfettamente il destino di ogni libro che gli passa tra le mani. Temo che non legga granché e proprio per questo mi ricorda, solo un poco, quel "Mendel dei libri" dell'amato Zweig. Una sosta alla sua bancarella è un rito a cui non mi sottraggo. C'è sempre qualcosa che vale la pena portarsi a casa. Mi dice che non pensava che qualcuno avrebbe comprato il libro che ho comprato: la copertina è bruttissima. Leggo il libro non la copertina, gli dico. Non sembra convinto però sorride. Lo so: pensa che sia un po' matta.

[foto by OmahaNebraska]

17 commenti:

  1. Risposte
    1. Tra gli altri questo: "Ripristinando antichi amori" di Yehoshua Kenaz, Edizioni La Giuntina. In effetti la copertina è davvero bruttina!
      http://www.giuntina.it/Israeliana_2/Ripristinando_antichi_amori_474.html

      Elimina
    2. La copertina sarà anche bruttina, ma il titolo è bello assai!
      Grazie del link, ora vado a curiosare ...
      (ti è piaciuto?)

      Elimina
    3. Curiosato. Mi interessa. Appena riapre il prestito interbibliotecario vedo se lo trovo. Ciao.

      Elimina
    4. Il libro è interessante e scritto decisamente bene.
      A me è piaciuto. Spero possa piacere anche a te.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Sorrido...
      Sì. Penso che mi veda così.

      Elimina
  3. a giusto voi! Alpexex oggi mi ha ricordato Saul Bellow, e mi era caduto l'occhio su questo aforisma che casualmente un po' attiene: In un'epoca di pazzia, credersi immuni dalla pazzia è una forma di pazzia.
    bentornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto saggio il signor Bellow.

      Ben ritrovata!

      Elimina
  4. Se non ce la fai a leggerlo lo sfoglierai, lo leggerai con le dite, lo assoporerai con il naso, assaggierai il profumo di inchiostro e lo metterai a bella mostra sul comodino in attesa di ispirazione..... io ne ho una pila... da leggere... sul comodino.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho già letto. Ed è un buon libro.
      Ciò non toglie che sulla scrivania abbia anche io una pila di libri in attesa di essere letti. Pian piano ce la faremo!

      Elimina
  5. Risposte
    1. Oh, che gentile.
      Grazie Riccardo.
      Ben trovato!

      Elimina
  6. Tempo pochi anni e ci prenderanno tutti per matti: librai, bibliofili, lettori e scrittori. Però è bello essere matti... :-)
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che non potrei non esserlo. Non in fatto di libri, almeno.

      Un abbraccio a te, Zio!

      Elimina
  7. Ciao cara, come va?
    Di solito non amo acquistare libri usati e per giunta che abbiano una brutta copertina, è un mio limite, lo so. Mi piacciono molto le vesti tipografiche che m'ispirano arte o qualcosa di significativo. Mi capita però di approdare ad una bancarella come su un'ultima spiaggia proprio quando ciò che cerco è fuori catalogo. M'è succecco con il libro della Du Maurier, "Rebecca la prima moglie", ma per mia fortuna è vecchio come nuovo e, ennesima fortuna, la copertina è eccezionale con la foto di scena di Joan Fontaine dall'omonimo film.

    PS
    Perdona le mie assenze ma queste vacanze oltre ad impegnarmi mi hanno soprattutto stressato. Odio l'estate e quindi anche il caldo. Sai, sono stato molte volte a L'Aquila con amici di Campotosto a mangiare alla braceria e per alcuni aperitivi. Ti pensavo mentre percorrevo quelle meravigliose strade. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece adoro spulciare nelle bancarelle o nei mercatini dei libri usati. A volte si incappa in piccole chicche che nei negozi o nei siti web non si trovano più da anni.

      Anche io odio l'estate ed il caldo. Lo sappiamo no?
      Grazie per aver pensato a me durante le tue passeggiate aquilane!

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.