5 giugno 2012

Brutus and Co.

Brutus non si chiama Brutus ma Rocky. Rocky è evidentemente un nome idiota, per questo per me è Brutus e tale rimane. Poi c'è Birillo. Anche il suo nome non è granché. In compenso lui è socievole e fin troppo espansivo. Adora i lacci delle mie scarpe e ogni tanto si fa aggredire da qualche gigante di passaggio. Billy lo conosco da poco. Vive in un altro paese e qualche volta lo trovo a dormicchiare tra i vasi di gerani e viole mammole della strada in salita. Tobia ha zampe enormi e una faccia da cartone animato. E' già grande anche se ha pochi mesi. Arriva al galoppo e si ferma giusto in tempo. Ad Achille, invece, bisogna fare attenzione. Non ammette avvicinamenti e se reagisce, reagisce male.

[foto by MissTangent]

18 commenti:

  1. ad immaginarseli sembra una bella compagnia!!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un'ottima compagnia.
      Passo a salutarli, come se passassi a casa di un amico.
      Achille a parte, s'intende.

      Elimina
  2. Mi hai fatto pensare a dei cani randagi che vidi gironzolare a L'Aquila, erano simpatici, trasandati e amiconi, ricordo che pubblicai anche qualche loro foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti randagi sono creature pacifiche e tranquille.
      Alcuni un po' meno.
      Le foto di quei cani mi mancano!

      Elimina
  3. I cani mi piacciono tutti, quelli degli altri. Io per natura sono un felide e adoro i gatti, con tutte le loro debolezze, le loro manie, umbratili e indipendenti come sono. Credo che loro sentano istintivamente la mia seconda natura, perché in casa nostra, tra i tanti pacifici, ne era capitato anche uno scorbutico, che menava a tutti i cristiani, mio papà compreso. Non gli andava qualcosa? E lui zanc! una sventagliata di mezzo secondo con una o due zampe e unghioni tutti in fuori e ti aveva fregato. Con me mai. Non mi faceva le fusa, mi controllava come io tenevo lui a bada, ma mai che mi abbia colpito.
    Però se avessi un cane non lo tratterei mai male, sono certo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco diverse persone che, come te, preferiscono i gatti. A me piacciono entrambi. Ho avuti diversi gatti e un cane. Conosco sia gli uni che gli altri e so che, proprio come gli umani, hanno il loro umore, il loro carattere e le loro abitudini.

      Elimina
  4. Noi da qualche settimana abbiamo "adottato" una femmina di segugio che è stata abbandonata in paese. Purtroppo non possiamo tenerla in casa ma la coccoliamo e le diamo da mangiare, ha molta paura perché credo che sia stata picchiata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho adottato Brutus visto che il suo proprietario ufficiale si ricorda di lui una volta a settimana, se va bene.
      Ho pensato di denunciarlo ma poi, forse, Brutus verrebbe portato chissà dove e allora è meglio che resti dov'è.

      Fate bene a dare un po' di cibo e un po' di affetto a quella creatura. Ha paura perché probabilmente ha subito dei traumi importanti ma sono sicura che con un po' di tempo e di pazienza lei tornerà a fidarsi degli uomini.

      Elimina
  5. Anche se non saprei come occuparmi di loro magari un giorno riuscirò ad avere anche io un cane o dei gatti, devo anche dire che nei posti dove ho abitato non era mai permesso (o comunque creava infinite discussioni con vicini e proprietari) tenere animali.

    Sui cani/gatti randagi, io sento la loro mancanza, dalle mie parti sono praticamente scomparsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un cane richiede più impegno di un gatto. Ma ti posso anche dire che avere un animale in casa è quasi come avere un bambino: responsabilità, attenzioni, cure e diverse spese.
      Ovviamente l'affetto e la presenza di una creatura non ha eguali. E spero che tu possa adottare qualche bestiola in cerca di casa.

      I randagi sono sempre ovunque. Se non li vedi forse è perché qualcuno li cattura.

      Elimina
    2. Sì, i randagi ci sono e ci saranno sempre ma dalle mie parti negli ultimi quindici anni bisogna cercarli col lanternino (qualcuno in più nelle ormai residue zone di campagna). Ne parlavo qualche mese fa a proposito di alcune cose da scrivere con un vigile del mio paese e mi diceva che fra regole ferree, ordinanze comunali, controlli, segnalazioni, regolamentazione dei rifiuti i randagi sono quasi scomparsi o si rono resi decisamente invisibili. (pensa che alcuni miei amici hanno preso multe salate per non aver tenuto il cane al guinzaglio).

      poi a Lugano sono ancora più rari, forse anche per il sistema dei rifiuti con le campane interrate.

      a me dispiace perchè era un'abitudine vederseli girare in cortile e lasciargli qualcosa da mangiare.

      Elimina
    3. Beh... da queste parti non sono così rigidi. E, per una volta, direi che è meglio così. L'ordine è bello, la pulizia anche, ma esagerare trasformando lo "spazio" vissuto in qualcosa di quasi asettico non mi piace granché.

      E stamattina sono passata a salutare Tobia che, come sempre, mi ha riempito di saliva e affetto.

      Elimina
  6. Ma che strana gente, frequenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stranissima, in effetti.
      Mi si addice.

      Elimina
  7. Ecco lo immaginavo, prima o poi doveva succedere... i segnali non mancavano... ho provato inutilmente a dissuaderla... le dicevo: guarda che leggi troppo, guarda che pensi troppo, guarda che mangi poco, guarda dove metti i piedi, tieni a posto le mani... vabbè.... pazienza, ce la siamo giocata... inizia il momento della follia, una grazia per tutti, da raccogliere post dopo post... passateparola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rido!
      Ma cosa dici?
      E' possibile che tu debba svergognarmi davanti a tutti?
      Santapace.
      Ho solo parlato dei cani miei amici. E' tanto strano?

      Elimina
  8. Che dolci! Mi piace soprattutto quello con la faccia da cartone animato ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello è il simpatico Tobia. Somiglia un po' a Nebbia, il cane di Heidi. Ricordi?
      Ma non è un Sanbernardo.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.