25 gennaio 2012

La mia stanchezza non ha nulla di gentile

La mia stanchezza non ha nulla di gentile. E' avida e maleducata e rapina il tempo che dovrei dedicare al mio tempo. Tralascio le mie essenze per accontentare doveri malandati. E' così che funziona nel mondo di chi sceglie di crescere. Eppure non riesco a non tornare a me ogni sera. Piego ciò che resta di una giornata declinata altrove e conto i centesimi raccolti sul palmo di una mano. Non pagano. Ciò che non mi sono concessa e che devo grattare via da ore inconcepibili non ha lo stesso valore. E mai lo avrà. La mia stanchezza ha le idee confuse e non ha voglia di porre altre domande. Io, invece, lotto ogni istante per non darle ragione.

[foto by fuglerosa]


16 commenti:

  1. Risposte
    1. Non so se sia proprio un bene.
      Visto che non è allegro sentirsi tanto stanchi.

      Elimina
  2. Si deve imparare a rubare il bottino ai ladri, mia cara Eu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorrido.
      Hai ragione.
      Ma non trovo il bottino!

      Elimina
  3. capita anche a me di sentire di non vivere...facendo quello che faccio...non è una bella sensazione..:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so cosa faccia tu, ma quello che faccio io mi lascia, alla sera, quasi stremata.

      Elimina
  4. son tornata!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!:))))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo avevo notato!
      E mi fa molto piacere.
      Spero che adesso commentare sarà più facile.
      Forse hai seguito il mio consiglio, chissà...

      Elimina
  5. su su verrà il momento in cui la stanchezza verrà lasciata da parte :) un abbraccio forte forte e buona serata... Signor_omicidi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora, caro signore.
      Ne ho davvero bisogno.

      Serena giornata.

      Elimina
  6. no non è ancora arrivata mia figlia......ho provato....ed è andata bene....:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora forse il sig. blogspot è intervenuto.

      Elimina
  7. Mia euridice, quanto mi piace quando scrivi così, cioè quasi sempre.
    Anche a me capita di ritrovarmi stanco di un'inutile stanchezza, che poi, a ben contare, gli spiccioli non valgono mai tutto quel tempo e quelle rinunce.
    Ma poi, talvolta, scelgo di non crescere crescendo. E questa è l'illusione che lenisce il dolore per la mia mediocrità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio quella inutilità a rendere il tutto ancora più amaro. C'è di certo denaro in contropartita, ma non so se valga davvero il mio tempo e la mia vita.

      Elimina
  8. La mia stanchezza mi fa rabbia e mi lascia un nervoso che mi conduce all'emicrania. Mi fa male soprattutto la stanchezza di sforzi senza risultati,la stanchezza di dover lottare anche con le più elementari delle cose. La stanchezza causata dalle insoddisfazioni,poi,mi ammazza.
    Ti abbraccio e ti trovo sempre al mio fianco con le tue parole. Sei un conforto.
    PS ho scritto un post,ovviamente una schifezza,ma te lo dico per correttezza perchè sei una visitatrice costante anche delle mie nullità e silenzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certa stanchezza riesce a sfinire ogni essere dotato di un briciolo di sensibilità.
      Ho letto già il tuo post.

      Elimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.