8 gennaio 2012

Impronte

Somiglio a tutto ciò che ho toccato. Ai tuoi sorrisi stonati e alle tue fisime di naso e denti. Alle tue dita gelate sotto una maglia stropicciata e alle tue vocali troppo aperte. Alle mie gelosie morse di labbra. Ai pensieri affilati come uncini. Alle severità di un'insegnante profetica. Alle domande imbarazzanti di un'anziana e ai divieti senza motivo di un padre. Alla schiuma sulle mani e a un morso di cane. Alle catene di urla rilanciate in faccia e ai graffi di orti d'estate. Alle bambole dai capelli di lana. Al frastuono di doveri che premono e alla musica versata addosso. Alle mille letture da leggere. Alla mia terra di semi e silenzi.

[foto by le-nede]

12 commenti:

  1. solo questo... mi piace molto...

    RispondiElimina
  2. Siamo ciò che sembriamo. Dentro e fuori.

    RispondiElimina
  3. Somigli soprattutto a una persona che scrive bene.

    RispondiElimina
  4. @ Squilibrato: forse hai ragione. Forse è più banale di come cerchiamo di convincerci che non sia.

    RispondiElimina
  5. @ Zio: puro diletto e qualche chiacchiera. Ci mancherebbe...

    RispondiElimina
  6. Letto tutto di un fiato...
    Che emozione.
    Si,emozioni tanto tu.


    Le tue parole mi risuonano dentro....
    Che incanto.
    Grazie!

    RispondiElimina
  7. Somiglio. Solo quello. Non posso essere uguale perché non sarei me.

    RispondiElimina
  8. Parole sempre nuove e fresche,eleganti ma di una genuinità che si toccano "con mano" e,anche qui,lasciano impronte.

    RispondiElimina
  9. Grazie Veil. Sei sempre estremamente gentile e generoso.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.