17 novembre 2011

Il peggio di me

C'è un buio che prima non c'era. Salgo in macchina e noto una cascata di fari che per l'ora e la stagione mi sembrano decisamente troppi. Inizio ad innervosirmi. Lo so: quando guido do il peggio di me. Ed è un peggio fatto di ipercritiche e parolacce che fioccano come falene. La mia tollerenza, già abbondantemente sfilacciata, si riduce a pulviscolo e non regge l'urto contro chi, mentre è al volante, fa un po' di tutto tranne che guidare. L'auricolare rimanda la voce del mio amico che ride. Almeno lui si diverte, penso nello stesso istante in cui mando al diavolo una tizia che se regge il telefonino non può di certo mettere la freccia. Idiota!

[foto by oO-Rein-Oo]


26 commenti:

  1. Pazzesco come le quattro ruote tirino fuori il peggio di noi, a volte. Altre il meglio. Mi viene in mente "L'illogica allegria" di Gaber. Buona serata, Euri!

    RispondiElimina
  2. A me tirano fuori sempre il peggio, però.
    Buona serata a te, Pab!

    RispondiElimina
  3. però è raccontato così bene che sembra il meglio;)

    RispondiElimina
  4. Ciao Euridice, mi piace il tuo blog ed anche constatare che guidiamo allo stesso modo :)

    RispondiElimina
  5. Succede anche a me, ma il guaio è che non mi capita solo quando guido, mi succede anche quando vado in bici!!!!!

    RispondiElimina
  6. @ teti: ti posso assicurare che dal vivo sono uno spettacolo indecoroso!

    RispondiElimina
  7. @ Amore: lo so, abbiamo scritto un post molto simile. Tu lo hai fatto qualche tempo fa. Ed ammetto che scrivendolo ci ho pensato! Sorrido...

    RispondiElimina
  8. @ Alessandra: anche il tuo blog "gattiano" è molto sfizioso...
    A quanto pare molte donne guidano come noi. Sarà un'epidemia?

    RispondiElimina
  9. @ ruhevoll: in bici? a me capita molto meno... ma forse perché quando vado in bici mi tengo alla larga dalle strade piene di automobili.

    RispondiElimina
  10. Non ne parliamo! La guida mi mette tensione e anche nel mio caso fa emergere il lato peggiore del carattere. Sono a disagio, perchè consapevole di non riuscire al meglio. Ma soprattutto mi innervosiscono i soliti maleducati a cui manca completamente la dimensione dell'altro.

    RispondiElimina
  11. A me guidare non procura particolar disagi, ma detesto vedere che tantissime persone non hanno il minimo rispetto nei confronti degli altri. Fanno ciò che vogliono, come vogliono e pretendono di avere ragione.

    RispondiElimina
  12. Sei buffa, quando ti arrabbi.

    RispondiElimina
  13. A me piace così tanto camminare a piedi e raggiungere anche distanze assurde,o quasi,che dimentico,a volte,di avere anche una patente.Guidare qui a Napoli è impresa assai difficile,non sai mai con chi hai a che fare se strisci o ti urta qualcuno...a prescindere dai vari disagi della strada,dal più piccolo al più grande. Sai,mi sto informando se a Teramo centro ci sono degli autobus che raggiungano la provincia perchè,quando e se andrò a lavorare lì,preferirò spostarmi in autobus anzichè perdermi,da imbranato che sono,tra i boschi del Gran Sasso. E L'Aquila,ce l'ha un buon servizio trasporti?

    RispondiElimina
  14. se guidassi qui impazziresti! un po' per eccessiva prudenza in autostrada (e quella forse è colpa mia che guido all'italiana) ma in città c'è da impazzire: macchine che si fermano perchè devono scaricare la spesa di fronte alla porta di casa (e 5 metri + avanti c'è parcheggio); furgoni della nettezza urbana che di notte bloccano il passaggio perchè chiacchierano con i colleghi dell'altro furgone appena incrociato; chi scende a chiacchierare con l'amico incontrato per caso... e poi lentezza nei riflessi generalizzata. poi passare anche 5 minuti prima che quello avanti a te riesca ad attraversare una rotatoria o un incrocio mediamente trafficato; e quando vado in bici? io pedalo lentamente e si forma una colonna di macchine dietro perchè nessuno prova a sorpassarmi... morale della favola? sempre sclerato e parolacce e insulti pronunciati o pensati per tutto il tragitto. un saluto

    RispondiElimina
  15. PS: oddio magari non mi faccio i fatti miei...oso intromettermi x trasporti a teramo e all'aquila. dipende da dove a dove. teramo ha servizi di bus urbani piuttosto buoni ma poi tutto è relativo agli orari e ai posti esatti da raggiungere, ma considerando che è una città piccola si può comunque integrare il bus con quattro passi, per i servizi extraurbani c'è l'ARPA (http://www.arpaonline.it/) che praticamente ha il monopolio dei bus extraurbani in tutta la regione anche se probabilmente ci sono ancora compagnie private locali. da teramo ci sono anche i treni regionali per giulianova e pescara piuttosto frequenti e con fermate nei paesi intermedi. sull'aquila non so molto... stesso discorso per i bus extraurbani, per gli spostamenti in città non saprei... saluti

    RispondiElimina
  16. in effetti deve essere uno spasso viaggiare al tuo fianco in macchina:)
    approfitto della visita per segnalarti che ho aggiunto anche la pagina fb del blog:
    https://www.facebook.com/pages/Letteratura-Cinema/274994392537642

    ciao ciao

    RispondiElimina
  17. @ epse: buffa? Io non mi consiglio a nessuno!

    RispondiElimina
  18. @ Veil: anche a me piace camminare a piedi, ma senza esagerare. Anche muoversi in auto ha i suoi vantaggi. Non ho mai guidato dentro Napoli, ma non sei il primo che mi spiega quale caos e quale difficoltà ci siano.

    Per quanto riguarda Teramo, puoi leggere i consigli di antopo, lui conosce perfettamente la zona ed è molto affidabile.
    In merito a L'Aquila, valgono gli stessi principi di cui ti parla antopo. I mezzi pubblici ci sono, la città non è molto grande e ci si può muovere tranquillamente anche in auto senza incappare in problemi particolari.
    Molto dipende anche dai tuoi orari e dai luoghi che devi raggiungere.

    RispondiElimina
  19. @ antopo: la descrizione che fai sembra quella che mi fanno di Napoli. Non è che ti sei trasferito in Campania e non ne sapevo niente?!
    Sorrido...

    RispondiElimina
  20. @ Luigi: non mi sento molto spassosa a dire il vero, ma chissà...
    Grazie per la specifica facebookiana ma non appartengo a quel mondo, mi spiace. Anzi lo aborro non poco.

    RispondiElimina
  21. In realtà anche io non ho il profilo personale su fb. Ho creato solo la pagina per il blog :)

    RispondiElimina
  22. Ah, ecco. Questo mi consola almeno un po'.

    RispondiElimina
  23. Antopo si è intromesso piacevolmente.Mi servivano quelle informazioni perchè se troverò un lavoro a Teramo di certo non uscirà in centro città ma di sicuro in provincia.Grazie davvero.

    RispondiElimina
  24. Sono pienamente d’accordo con te: le donne, al volante, danno il peggio di sé (questo presupporrebbe che da qualche parte abbiano anche un fantomatico e alquanto latitante "meglio di sé", ma sono teorie evoluzioniste ancora tutte da dimostrare: io non ci farei troppo conto :-)
    Basilico

    RispondiElimina
  25. P.S.
    Aggiornamento ansa:
    Gli studiosi affermano, con la dovuta cautela, di aver trovato flebili tracce di una qualche sorta di "meno peggio". Ne aspetto trepidante la conferma.
    Basilico

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.