13 settembre 2011

Un temporale che sembra un parto quadrigemellare

Sì, lo so. Tutti quelli che non si staccherebbero mai dal sole sono a lamentarsi che l'estate sta per finire (e ci mancherebbe altro!) e che non sopportano la pioggia, il vento, il freddo e vattelapesca. A me, invece, l'autunno piace. Il cielo va brontolando da ore ma di pioggia, fatta di scrosci e deliziosi rovesci, ancora nemmeno l'ombra. E ci credo! Da settimane non piove. Evidentemente ha dimenticato persino come si fa a cadere dall'alto. Ci pensa e ci ripensa senza voler fare il lancio buono. Io aspetto, il mio olfatto non mente: l'odore è quello di un temporale. Ci mette tempo? Avrò pazienza, anche stavolta.

[foto by Natasia-L]

30 commenti:

  1. Bello il sentore di pioggia in arrivo!
    La settimana scorsa, qui al sud, m'ha colto di sorpresa un Signor Temporale mentre camminavo per rientrare a casa.
    Ho rallentato il passo e mi sono lasciata bagnare dalle gocce che generosamente venivano giù.
    Sono tornata a casa grondante acqua e felice!

    RispondiElimina
  2. Esci pure dalla sala d'aspetto del reparto ostetricia, Euri. Quei quattro gemelli sono a spasso paffuti e contenti da due mesi, dopo aver guastato il mese di luglio con grandine, pozzanghere, pioggerelline noioise e scrosci di traverso. [Forse quel brontolio che senti non viene dal cielo, è il mio:)]

    RispondiElimina
  3. @ Fiore: sì, ha un profumo inimitabile che, ovviamente, adoro.
    Qui, invece, di temporali non se ne vedono da almeno due mesi.
    Bello il bagno di pioggia! Attenta ai raffreddori però...

    RispondiElimina
  4. @ xe: beh... avranno pure guastato qualche giorno di luglio, ma da due mesetti a questa parte, almeno dove vivo, non hanno più fatto un lamento.

    [Non pensavo brontolassi così...]

    RispondiElimina
  5. l'odore del temporale non tradisce: è quello inconfondibile....conviene quindi attendere fiduciosi....un rudimentale calcolo delle probabilità è dalla nostra parte:))

    RispondiElimina
  6. Credo che il temporale sia divenuto una pioggia lieve lieve. Il mio ragazzo la chiama "gnagnarella"!

    RispondiElimina
  7. Dato che era un po' freddo Reiko___ Camminando a un tratto guardò in alto e annusò l'aria come un cane. Quindi disse: _ C'è odore di pioggia _, pag 195 e tu a che punto sei?

    RispondiElimina
  8. Santapace!
    Tu sei molto, molto più avanti...
    Io sono intorno alla pag. 68.

    RispondiElimina
  9. Ciao Carissima,
    oltre all'autunno e al bosco abbiamo anche questo in comune:la pioggia. Per quelli che mi circondano posso sembrare tetro ed uggioso come una giornata d'inverno ma io amo troppo i cieli nuvolosi. Il vento fresco che soffia e spinge quelle masse amorfe di vapore mi dà l'impressione di una natura che si esprime. Il suono del tuono e la luce dei lampi mi suggestionano dolcemente...e poi è tanto sereno vedere quel raggio di sole che splende su tutte le cose bagnate ed umide. Amo la natura e mi delizio nell'assaporare queste cose. Che belle sensazioni mi hai regalato.Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Ciao Veil,
    ero un po' preoccupata: è un po' che non ti leggo. So che lavori e che il tuo lavoro ti porta a stare in disparte per parecchio ma mi aspetto sempre di leggerti.
    In ogni caso il temporale non c'è più stato. Non qui almeno. So che qua attorno, però, ha fatto quello che doveva e l'aria, rossastra e freschissima, me lo racconta per bene.

    RispondiElimina
  11. Io adoro l'estate, ma adoro anche l'autunno e se piovesse andrei volentieri a funghi, passeggiando nei boschi e respirando quegli aromi inconfondibili, carichi di umidità, terra e foglie. Abolirei volentieri l'inverno ma pare che serva anche quello, soprattutto la neve. C'è un vecchio proverbio che dice: sotto l'acqua fame, sotto la neve pane.
    Un saluto

    RispondiElimina
  12. Ps anzi...ricordando alcune giornate di tempo incerto in campagna,durante le vacanze,vorrei scriverci un post. Se solo santa intelligenza mi venisse in aiuto che è tanto che non riesco piu' a scrivere.

    RispondiElimina
  13. @ ruhevoll: certo che serve anche l'inverno. E la neve che porta, se, quando e dove la porta.
    Io non amo molto l'estate. Anzi, diciamolo sinceramente: non la sopporto per niente.

    RispondiElimina
  14. @ Veil: non è vero che non riesci più a scrivere. Non serve poi così tanto. E lo sai bene.
    Perché non provi?
    Verrò a leggerti...

    RispondiElimina
  15. ok, rallento e ti aspetto, tanto domani non ci sono:)

    RispondiElimina
  16. http://www.youtube.com/watch?v=uamMye5FSk8
    ...senti l'elettricità?

    RispondiElimina
  17. Hai ragione tu, serve una danza della pioggia. Balliamo?

    RispondiElimina
  18. @ teti: meno male! Adesso sono a pag. 150. Tra poco ti raggiungo...

    RispondiElimina
  19. @ Stelassa: questa proprio non la conoscevo. Grazie!

    RispondiElimina
  20. azz allora, devo recuperare!
    che dici ce la facciamo a finire per sabato e facciamo un post da 100 parole parallele?
    tanto io con questo libro ho definitivamente fatto pace con l'amico che a pag 147 e 148 di dance dance dance anagramma il suo nome e lo attribuisce a un personaggio (stavo per buttare il libro ai cinghiali per questa "trovata") ma poi ne parla male ammettendo che fa taglia e cuci (come sospetto dal finale di il paese delle meraviglie e la fine del mondo) quindi posso dire che questo norwegian a meno di cadute finali è "forse" il preferito.

    RispondiElimina
  21. Penso che per sabato sarà finitissimo.
    E facciamoci un post da 100 parole... uno io, uno tu? Oppure 50 + 50?

    RispondiElimina
  22. Io proprio non ci riesco a scrivere.Ho creato una bozza che deve essere solo cestinata perchè so che niente cambierà con una versione definitiva. Forse devo mollare,non è roba per me la scrittura.Tu dici che non ci vuole poi così tanto,bé io mi sento come se avessi bisogno di una terapia. :-(

    RispondiElimina
  23. Sorrido... non dire sciocchezze.
    Semplicemente: non pensare morbosamente. Non fissarti su quello che stai scrivendo. Individua un messaggio, focalizza ciò che vuoi dire e prova a trovare delle parole per dirlo. Senza contorsioni, con naturalezza.
    Mi dirai.

    RispondiElimina
  24. non mi permetterei mai di competere!
    tu fai le 100 e io replico nei commenti, cercando di emularti (ma sarà veramente tosta!)
    se poi si combinano bene se ne può fare un altro una parola per uno: pari o dispari? ce la giochiamo a bim bum bam! :))

    RispondiElimina
  25. @ teti: va bene. Appena finito ci scrivo su 100 parole.
    E aspetto il tuo commento...

    RispondiElimina
  26. S’è sgravato, visto? :-) Pure qua in Jamaica.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.