15 settembre 2011

Il bimbo che ha ingoiato un'aquila

Qui vicino c'è una famigliola. Mamma, papà e bimbetto. Credo che lui, il bimbetto, abbia poco più di un anno. Il problema è che, pur essendo tanto piccolo, urla come un'aquila. Non sono lagne, non sono piagnistei, sono strilli laceranti e acutissimi che devono arrivargli direttamente dalle regioni più recondite del duodeno. Raggiungono i nervi e tagliuzzano i confini della mia già poverissima tolleranza. Nessuno lo tocca, nessuno gli torce un pelo ma lui grida lo stesso. A quanto pare perché non riesce a fare quello che vorrebbe. Dico: ha solo un anno e già sembra isterico. Da adulto cosa diventerà?

[foto by S4SH4X]

22 commenti:

  1. sempre che ci arrivi adulto:)
    ps. per prima, ok:)

    RispondiElimina
  2. Se dovesse diventare un serial killer, spero che inizi dai genitori...:-)

    RispondiElimina
  3. @ teti: glielo auguro. Magari sarà una brava persona... almeno spero!

    RispondiElimina
  4. @ pachino: sorrido. Non essere cattivo!
    Confesso che l'ho pensato anche io, però.

    RispondiElimina
  5. Bisognerebbe capire la vera ragione degli strilli.
    E' che a volte ti viene voglia di ammazzarli da piccoli, ma quando crescono e smettono di urlare e ti vengono vicino e ti baciano quello che avevano fatto allora non te lo ricordi più.
    Tu.
    I tuoi vicini ancora ti odiano!

    RispondiElimina
  6. Infatti io sono quella che fa la vicina. E penso che a me dei bacetti e degli abracci dell'aquila non me ne cale granché. Anzi!

    RispondiElimina
  7. magari per quando diventa adulto ha finito di urlare----speriamo!!!!

    RispondiElimina
  8. Glielo auguro di cuore.
    E lo auguro anche a me!

    RispondiElimina
  9. In queste situazioni si rischia di fare pensieri da omicida!

    RispondiElimina
  10. Ci sono momenti in cui vorrei poter assoldare un killer.

    RispondiElimina
  11. Spero che la mia nipotina non nasca isterica come in questo caso.
    Ps Euridice,ho scritto un post ma è una schifezza:ci vedo solo un elenco di vocaboli senza senso,cioè con i quali,credo,di non essere riuscito affatto a comunicare le sensazioni di un momento davvero vissuto.Correggimi ma non fucilarmi pero'. Passare al tuo esame è cosa ...impossibile.

    RispondiElimina
  12. Ecco, che in un attimo, si rivaluta la sordità.

    RispondiElimina
  13. @ Veil: ti ho inviato un messaggio su Libero.

    RispondiElimina
  14. @ Emma: sì, in casi del genere, sarebbe una salvezza!

    RispondiElimina
  15. immagino si sfoghi solo all'alba e a notte fonda, figurati se urla quando tu sei in ufficio!

    RispondiElimina
  16. Lui urla sempre. Ad intervalli più o meno regolari di tre minuti. Week end compresi. Caro mio...

    RispondiElimina
  17. diventerà come me, he he
    ancora non sa che, come canta jim morrison, è meglio una fine disperata che una disperazione senza fine. Si potrebbe suggerirlo ai genitori.
    Qualche goccia di un qualche psicofarmaco no?

    RispondiElimina
  18. Hai provato a fargli eco rispondendo ad ogni suo urlo con uno altrettanto acuto?

    RispondiElimina
  19. Ci prova il padre spesso. Non funziona!
    Sarà mica sordo?

    RispondiElimina
  20. Da adulto cosa diventerà? È mi’ figlio, che vòi che diventi? Portavoce de Forza Italia (e non dire che non esiste più, che è un falso storico: noi esistiamo ancora eccome! Siamo in ibernazione, come er capo. Ma vedrai, mo’ che se sfascia il PDL).
    Pecazz.

    RispondiElimina
  21. Dici che dopo il PDL torna Forza Italia?
    Beh... non è da escludere. I reperti vanno sempre di moda.
    Se è tuo figlio, però, dovresti venirlo a prendere ogni tanto. E portartelo a casa.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.