12 agosto 2011

Stanca, sfinita, spossata, sfiancata, stremata

La crisi economica. Le borse che affogano. I tagli di cui non si può fare a meno. I sacrifici che non ci faranno santi. Le riunioni di ferragosto. Le manovre in anticipo. Più tasse per tutti. I politici che non cedono. I sindacati che ululano. I deliri forsennati di Bossi. Il momento è delicato. Il lavoro (!) sarà più flessibile. Stop alle vendite allo scoperto. La Merkel e Sarkozy. Ma anche Cameron e Obama. Cancellate tutte le province. Il menù dei Senatori. Il federalismo non si può fare. La benzina che aumenta. Presto terremoto per le pensioni. I beni rifugio e i titoli immondizia.
Io sono esausta. E voi?

[foto by navidoutlaw]

11 commenti:

  1. io sono indecisa , se insieme ad esausta essere anche un pò disperata.....:))

    RispondiElimina
  2. Solo disperata?
    Ma l'hai notato il pinguino lì su?

    RispondiElimina
  3. mi sono attenuta a ben più positive sensazioni....:)

    RispondiElimina
  4. Ho capito: sei un'inguaribile ottimista.

    RispondiElimina
  5. esausto, sì, ma anche nauseato. Ritagliarsi angoli di certezze sulla bellezza degli esseri umani sembra sempre più un lavoro di origami se si sta a sentire ciò che vogliono farci sentire, a guardare e vedere quello che tutti i personaggi che hai elencato vogliono farci guardare e vedere. Ma per fortuna guardo negli occhi tante persone stupende ed il loro sguardo non è affatto falso, tantomeno rassegnato o addormentato.

    RispondiElimina
  6. Io più che esausta sono incazzata nera e sempre più sull'orlo del gesto folle.

    RispondiElimina
  7. @ ruhevoll: sì, siamo nauseati. Siamo tutti nelle stesse condizioni anche perché sappiamo che comunque non basterà, non basterà mai perché quello che fanno non scalfisce nemmeno un po' certe strutture e certi meccanismi.
    Molta gente non ha nessuna intenzione di rassegnarsi però dobbiamo ammettere che i mezzi per spezzare questo andazzo sono pochissimi e spesso inefficaci.

    RispondiElimina
  8. @ espe: se vuoi, ti do volentieri una mano. Soprattutto nell'organizzazione del gesto folle.

    RispondiElimina
  9. mi unisco a te ed espe che saluto!

    RispondiElimina
  10. Ma ‘nfatti, Euridi’, pure io nun ce sto a capi’ più gniente! Pilates “sì” o pilates “no”? Più lompo nelle tartine o è mejo senza? So’ probblemi grossi, eh!?!
    Pe’ nun parla’ della lista pe’ rilascia’ le dichiarazioni: ‘na mattina è “sì” e la mattina dopo è “no”, nun se po’ lavora’ così! Prima, almeno, c’era ‘na coerenza, nell’incoerenza!
    Pecazz.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.