25 agosto 2011

Lamentatio

L'idea di dover tornare ad incasellarmi tra una sedia ed una scrivania mi duole. Mancano ancora alcuni giorni a lunedì 29 eppure sento già sulla cervice il fiato di quel tran tran a cui faticherò a (ri)abituarmi. Fossi una bimba farei una marea di capricci per non andare, inventerei mal di pancia o una febbre improvvisa. Ma nel mondo dei grandi, sembra, non si possa più fare. Per questo ripiegherò gli angoli del mio broncio, muoverò i piedi verso la solita direzione e andrò dove devo borbottando lamenti. All'inizio brucerà come una puntura d'insetto, lo so. Prenderò del ghiaccio da appoggiare alla mente e non sentirò altro.



10 commenti:

  1. un'anestesia che annulli tutti i dolori. Poi pian piano (ri)prenderai contatto con la realtà e penserai all'opportunità che ti da un lavoro e al vantaggio che hai rispetto ad altri. Poi grazie ai proventi derivanti dal lavoro potrai fantasticare altre vacanze e lentamente ti adagerai al pensiero dello svago e poi riprenderanno le lamentatio.........ma è una ruota che gira , adesso è il momento peggiore. Però se inizi a lamentarti 4 giorni prima , perdi 4 giorni di vacanze...ragazza mia non è così che si fa!!!!:))))

    RispondiElimina
  2. @ mpt: un genio che si chiama Dostoevskij scriveva che "si abitua a tutto quel vigliacco che è l'uomo". Siamo tutti un po' vigliacchi ma perché costretti dalla necessità. Come tutti vorrei poter vivere agiatamente senza lavorare ma non si può.
    Mi lagnerò quel tanto che servirà a consolarmi, come al solito. E poi: hai ragione, mancano 4 giorni. E non sono pochi!

    RispondiElimina
  3. @ 7di9: ecco, appunto. Hai una soluzione?

    RispondiElimina
  4. Spero di potermi lamentare presto anch'io per il lavoro che mi aspetta, implacabile.

    RispondiElimina
  5. "ed ella, morendo per la seconda volta, non si lamentò"
    ...Ma dalla terza in poi hai iniziato a lamentarti finalmente!
    Metterei un sorrisino ma è meglio scriverlo come fai tu: sorrido.

    RispondiElimina
  6. @ Fiore: speri? perché? temi che non sia così?
    Uhm... ho capito.

    RispondiElimina
  7. @ ruhevoll: la seconda è passata da un pezzo, quindi le mie lamentazioni sono più frequenti di quanto tu possa immaginare.
    Sì, sorrido... lo scrivo sempre. Le faccine non mi piacciono granché!

    RispondiElimina
  8. Il peggio è che, contrariamente alla vacanza, al lavoro i giorni si susseguono gli uni uguali agli altri, mentre i mesi volano e gli anni non tornano più.
    Ti ho consolata?
    Aggiungo che da lunedì rientro pure io: mal comune è ancora mezzo gaudio? (smile)

    RispondiElimina
  9. No, non sei stato particolarmente consolatorio, anzi. Mi sento ancora più depressa...

    Ecco. Il fatto che anche tu torni a lavoro mi fa sentire meno sola. Almeno quello!

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.