13 giugno 2011

Sopravvivere al matrimonio (degli altri)

I matrimoni durano sempre troppo. Soprattutto quando sei un'invitata che, seppur abbia scelto di indossare sandali comodi con zeppa (alla faccia delle signorinesuperabbronzatissimecontacco12), seppur sia stata felice di rivedere facce amiche sulle quali rintracciare qualche beato pezzetto dei propri sedici/vent'anni, è rimasta del tutto inebetita da ore ed ore di reclusione cerimonia-pranzo-foto. Le macerie del "day after" sono accumulate, l'una sull'altra, tra la cervice e il fondo ormai straziato del timpano. Sopravvivere al matrimonio (degli altri) è un'impresa da eroi. Altroché!

[foto by alexkatana]


20 commenti:

  1. Ci sono cose paragonabili ad un film di Romero della serie L'Alba dei Morti Viventi. Io lo so. Sono stata ad una comunione..

    RispondiElimina
  2. ciao, non avevo ancora visto il nuovo looK:))
    bello!

    RispondiElimina
  3. @ Emma Peel: esperienza mistica anche la tua, a quanto pare.
    Ma non dirlo a Romero!

    RispondiElimina
  4. @ teti: sì ho cambiato stile. Come ridipingere le pareti di casa.

    RispondiElimina
  5. A me piacciono!!! A parte la stanchezza e le costrizioni degli abiti da cerimonia....Adoro vedere le signore grandicelle che si dilettano in balli della tradizione, a fine serata! Almeno dalle mie parti....
    I giovani seduti, distrutti,ad ammirarle ritrovare la loro giovinezza!

    RispondiElimina
  6. Dalle mie parti le signore "grandicelle" ballano qualche liscio, ma non tutte. La maggior parte resta al suo posto, magari a malignare su qualche tizia o tizio che non conosce nemmeno.

    RispondiElimina
  7. Che barba i matrimoni...cerco di evitarli, possibilmente. Però l'ultimo a cui ho partecipato è stato il più bello degli ultimi dieci anni.

    RispondiElimina
  8. I miei amici hanno imparato a non sposarsi... ma se per caso qualcuno sbaglia a me viene un terribile mal di testa.
    ahahahah

    RispondiElimina
  9. Per certe cose ci vuole il fisico ... io per queste cose non ce l'ho davvero (wu)

    RispondiElimina
  10. Guarda, Euridi’, dici così solo perché non sai che cosa significa sopravvivere al proprio: giornate intere all’Ikea, estenuanti sedute d’avanti ai camerini di prova dell’oviesse facendo sì o no con la testa talmente tante volte che quando esci, tua moglie guida e tu stai dietro appeso al lunotto come quei pupazzetti col collo a molla… e il bello è che a te non te ne poteva frega’ de meno. E che dire di tutte quelle domande a trabocchetto e delle trappole tese che manco nella jungla Cambogiana.
    Guarda, per quanto alla busta di partecipazione io preferisca un avviso di garanzia, preferisco che il matrimonio sia quello di un altro: credimi, in certi casi è meglio partecipare che vincere.

    Basilico

    RispondiElimina
  11. @ wu: ma se sei un mezzo atleta... anzi un atleta intero!
    Ce l'hai eccome il fisico. Altroché! (questo l'avevo già scritto).

    RispondiElimina
  12. @ Basilico: non posso dire molto per contraddirti, visto che per ora non ho mai sperimentato il matrimonio né la vita matrimoniale. Ciò che so è che di certo risparmierò a mio marito sia l'Ikea che Oviesse. Negli acquisti, fortunatamente, ho approcci di tipo "maschile": cerco una cosa, so come la voglio, la trovo, entro, provo, compro. Dieci minuti al massimo.

    RispondiElimina
  13. Io odio i matrimoni,come direbbe il puffo brontolne.
    Sarà per questo che mi sono sposato solo in comune,mia moglie ra vestita di rosso,abbiamo fatto il pranzo nuziale al ristorante cinese di lunedì.
    Cosa che ha assotigliato molto la lista invitati (c'erano solo le persone che ci tenevano veramente)e sveltito la procedura!
    Alex

    RispondiElimina
  14. Scusami per tutte le volte che non trovi nulla di scritto nel mio blog. Ci vieni costantemente con tanta premura.Purtroppo devo riprendermi,sono troppo stanco fisicamente e quando giungo a questa soglia, o la supero, non sento nè penso.Ora sono a riposo, avro' motivi per elaborare.Un abbraccio
    PS bello il libro che hai in lettura.Einaudi,poi, stampa scritti di qualità e le sue copertine io le adoro.

    RispondiElimina
  15. @ Alessandro-Merlino: uh... puffo brontolone! Bel tipetto, però.
    Dunque: avete avuto un'idea geniale tu e tua moglie. Almeno avete accorciato i tempi della tortura e anche la lista degli invitati. Facendo la felicità di molti di loro, credimi!

    RispondiElimina
  16. @ Veil: io passo da te ogni giorno, come faccio con gli altri "amici" di Libero e non solo. So che non sei più molto produttivo negli ultimi mesi, ma non dispero: qualcosa arriverà prima o poi.

    Einaudi è peggiorata parecchio negli ultimi anni. Pubblica ancora autori notevoli ma anche parecchia immondizia, senza contare la qualità scadente della stampa a volte piena di refusi e di mancanze.

    RispondiElimina
  17. Per il caso che hai citato tu, il mio fisico, non è per nulla adatto ... ci vuole un fisico speciale ... un fisico matrimoniale, che io non ho! (wu)

    RispondiElimina
  18. Sorrido...
    Sai che chi dice così finisce presto davanti ad un altare con una fanciulla accanto vero?

    RispondiElimina
  19. Probabile :) chi ci finisce prima paga da bere!

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.