7 giugno 2011

Réclame

Sarà di certo l'anima del commercio e non dubito che debba avere il suo influente predominio, ma è mai possibile che per leggere una notizia si debba soccombere ad un paio di pop-up di una certa linea internet ultra veloce, al fantamsagorico video di un'autovettura con annesso concorso extra lusso e, se si ha la sventura di cliccare un angolo qualunque della pagina, ti sbattono in faccia un preventivo per una polizza che nessuno ha chiesto? La pubblicità e i suoi perversi marchingegni si insinuano agilmente ovunque. Ed ho la sensazione che da semplice cornice, col tempo, sia diventata il quadro.

[foto by EOneArt]

12 commenti:

  1. Ma davvero :D non ti dico come girano le scatole ogni volta.

    RispondiElimina
  2. ho risolto mettendo i filtri:))
    via tutto, pubblicità odiose manine col mi piace, ecc ecc:))

    RispondiElimina
  3. Concordo.
    Con la posta è la stessa cosa...
    Prima di poter leggere le mie mail...si aprono da sole 50 finestre!

    teti900: come si mettono i filtri?...perdona l'ignoranza..

    RispondiElimina
  4. @ Noir: girano parecchio anche a me visto che, di solito, questo genere di invadenza la si trova spesso sui grandi siti di quotidiani importanti.

    RispondiElimina
  5. @ teti: anche io ho attivato i filtri, ma ci sono nuovi sistemi di fare pubblicità (vedi finestre video) che i filtri non bloccano e che sono davvero irritanti.

    RispondiElimina
  6. @ Artemisia: posta, notizie, musica... nulla è esente. Purtroppo.
    Capisco che i siti Internet si reggano sulla pubblicità ma forse si sta esagerando un po'.

    RispondiElimina
  7. Hai più che ragione su tutta la faccenda, Euri. A me questa situazione fa venire quella certa voglia di vendetta, e segnarmi i prodotti pubblicizzati per non comprarli MAI PIU' (se mai l'avevo fatto prima).

    RispondiElimina
  8. A quanto pare l'invadenza della pubblicità su Internet è insostenibile per molti. Tranne per chi la fa, ovviamente. Io non li guardo neppure i prodotti e i marchi che mi propongono con la violenza. Quindi non so se tutta questa pubblicità poi porti a qualcosa.
    Tu, intanto, fai bene a boicottare!

    RispondiElimina
  9. più che altro è il chiodo [elb]

    RispondiElimina
  10. Il chiodo?
    Beh... forse è ancora più eloquente.
    Brava elb!

    RispondiElimina
  11. Eh, vabbe’, Euridi’ mettila come te pare, ma pubblicità è “sì”
    Guarda, proprio mo’ me s’è aperta ‘na finestra che me pubblicizza degli utilissimi bastoncini cottonfioc co’ lo specchietto a piede de porco incorporato pe’ véde se te sei pulito bene le orecchie: so’ fichissimi. Metti che me servono, li compro.
    Oppure quei simpaticissimi boxer co’ la scritta “divieto d’accesso” dietro e “lavori in corso” d’avanti: io cell’ho.
    Va be’, dopo ce stanno pure i flop come “Pippo” la scopa cor manico che se piega: se ‘r manico se piega, n’è bona pe’ scopa’. Ma quella è stata ‘na questione de creativi senza fantasia: se la chiamavano Pippa, aveano risolto.
    Comunque la pubblicità è importante, Euridi’: la gente vuole sapere!
    Euridi’, pubblicità, è “sì”.

    Pecazzone

    RispondiElimina
  12. Se leggono questo post, qualcuno potrebbe davvero inventare i cotton fioc con gli specchietti. Inquietante ma possibile.

    Ma perché tutto quello che per te è "sì" per me è "no"?

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.