10 giugno 2011

Perché non odio gli e-book

Amo i libri. La loro consistenza, l'odore, i polpastrelli che sfiorano la carta, il respiro delle pagine sfogliate. Ma non detesto gli e-book. Penso: possono convivere. Il fascino di un libro non si discute, ma so che un libro elettronico lo leggerei comunque. L'assenza di carta non mi procura angoscia, il supporto elettronico (visto che passo ore al PC) è la normalità, sapere che non si macchia, non si strappa e non si logora è rassicurante. Senza contare che costa meno e che non finirà mai fuori catalogo perché non è soggetto alle paturnie degli editori. Le evoluzioni del progresso sono inevitabili. Altrimenti legeremmo ancora tavolette di cera.

[foto by JaneinHell]

20 commenti:

  1. Amo moltissimo la consistenza dei libri, ma sono tollerante. Bello, "Le correzioni" di Franzen.

    RispondiElimina
  2. http://www.youtube.com/watch?v=jalubynPTDw&feature=fvwrel

    (wu)

    RispondiElimina
  3. Anche io sono tollerante...Ma credo che il piacere di sfogliare un libro sia una cosa unica...

    RispondiElimina
  4. @ espe: esatto. Ma ci sono molti che si rifiutano anche solo di considerare libri gli e-book. Per me è sbagliato.

    Sì, bello "Le correzioni". Un po' "diluito" per i miei gusti, ma gli americani divagano sempre troppo.

    RispondiElimina
  5. @ wu: sì, ottima scelta.
    Ti assumo come consulente musicale va...

    RispondiElimina
  6. @ Memole: non metto in dubbio il piacere di sfogliare un libro cartaceo, piace moltissimo anche a me. Ma penso che rifiutare il progresso sia del tutto inutile, se non controproducente.

    RispondiElimina
  7. Non ho niente contro gli e-book, ma per me un libro è più comodo, portarmi il pc a letto o tenerlo sulle ginocchia se sto su una poltrona lo trovo scomodo. E poi il pc puzza di plastica, mentre se fossi un profumiere vorrei inventare un'essenza di carta e inchiostro.
    Mi piace la nuova veste del tuo blog!

    RispondiElimina
  8. Sono d'accordo su alcuni punti di vista.Titoli che non escono fuori catalogo,scritti che non si macchiano nè si rovinano,ma sono così legato alla carta,alla rilegatura, al classico libro nella sua forma oggettistica che proprio non riesco a tollerare la freddezza di un e-book.Spero che io non ci sia piu' l'anno in cui i libri non verranno piu' stampati su carta.Mio padre è tipografo,forse è nel sangue.

    RispondiElimina
  9. Preferisco i libri, ma non disdegno gli e-book. Grazie al formato elettronico, ho avuto modo di leggere opere interessanti di scrittori emergenti di cui ignoravo l'esistenza.

    RispondiElimina
  10. Chi è curioso non si ferma davanti alla forma.

    RispondiElimina
  11. non li odio ma per quel che mi riguarda li trovo impraticabili.un conto é leggere articoli ma un libro intero mi ucciderebbe la vista.

    RispondiElimina
  12. @ ruhevoll: leggere un e-book su PC non è molto comodo, è vero. Per questo esistono i "reader" per e-book. Sarà uno dei regali che mi farò a breve...

    In merito alla nuova grafica e ai nuovi colori: avevo voglia di cambiare!

    RispondiElimina
  13. @ Veil: tuo padre fa un mestiere bellissimo, uno dei più preziosi degli ultimi secoli.
    I libri su carta, secondo me, sopravviveranno ancora qualche decennio poi, come moderni incunaboli, veranno soppiantati dai libri elettronici, con buona pace delle nostre biblioteche.

    RispondiElimina
  14. @ Artemisia: hai ragione. Grazie agli e-book, i cui costi di realizzazione e pubblicazione sono quasi irrisori, tantissimi autori possono farsi leggere e notare anche regalando i propri scritti. E' una miniera di idee e letterature che, ovviamente, gli editori classici tendono normalmente a trascurare perché costerebbe troppo.

    RispondiElimina
  15. @ espe: e noi sappiamo di essere tanto, tanto, tanto curiose. Vero?
    Un sorriso...

    RispondiElimina
  16. @ Occhio.Cavo: anche io non sono proprio un falco. La mia miopia è devastante da anni. Ma col supporto corretto (che non è il computer) so che potrebbe funzionare.

    RispondiElimina
  17. aaaaaaaaaaa! Non ci credo! Lo sfondo bianco! o__o

    RispondiElimina
  18. Cara elb (riconosco lo sguardo magnetico!) quando si vuole fare un cambiamento, meglio farlo repentino.
    Una vita fa avevo un altro blog che, per quasi cinque anni, ha avuto uno sfondo bianco. In sostanza: una sorta di ritorno all'antico.

    RispondiElimina
  19. Sono d’accordo con te, riguardo agli e-book, ma non vorrei che soppiantassero del tutto la stampa su carta.
    Che vuoi che ti dica: sarò un nostalgico.

    basilico

    RispondiElimina
  20. Io temo che la stampa su carta, come ti avevo già detto parecchio tempo fa, non potrà vivere in eterno. E' destinata ad essere soppiantata da altre tecnologie. Per la felicità di tutte le piante e le foreste del pianeta.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.