16 giugno 2011

Pedalo controvento

C'è un sole che non t'aspetti, dopo pomeriggi infangati di pioggia luminescente e crudele. Salgo in bici e vado. Solito giro. Il viale alberato spalma la sua ombra poco sotto capricci di cirri. Controvento la fatica si addossa concentrica su caviglie e ginocchia. Le crepe di un asfalto lungo decenni mi distraggono appena. Campi, qualche casa ed odore di animali allevati. Un gatto siede concentrato sul ciglio. E' nero e mi guarda con il sospetto che merito. Non c'è nessuno a parte il silenzio che diventa aria e mi obbliga a fare forza. Mi piace questa sospensione: pensare, pedalare, pensare, pedalare. Il vento taglia al contrario ma io sono più forte.

[foto by navidoutlaw]



24 commenti:

  1. Poesia che dipinge...dipinto che si fa poesia!

    RispondiElimina
  2. Immagino, sotto i capricci di cirri, i capricci dei tuoi ricci.

    RispondiElimina
  3. Quel silenzio che diventa aria mi è sembrato di respirarlo. Bellissimo.

    RispondiElimina
  4. @ Veil: sei troppo romantico tu!
    Sorrido...

    RispondiElimina
  5. @ espe: immagini bene. A parte qualche insetto sciagurato che rimane invischiato tra i ricci. A suo rischio e pericolo, ovvio.

    RispondiElimina
  6. Splendido, semplicemente splendido e profondo e poetico, questo brano! (A parte l'inciampo eufonico di "ed odore": via quella maledetta D!)
    Meraviglioso il gatto che "mi guarda con il sospetto che merito".
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Un anonimo inchino

    RispondiElimina
  8. meravigliosa la musica, ti immagino sai in bici

    RispondiElimina
  9. Ammazza che post... Stai diventando proprio brava. Posso dire ai miei amici che ti conosco?

    RispondiElimina
  10. @ Zio Scriba: l'inciampo è voluto, direi. A me non dispiace...
    Il gatto mi ha guardata con immenso sospetto. Ed io stimo sempre i gatti che sospettano delle persone. Secondo me hanno capito con chi hanno a che fare.

    RispondiElimina
  11. @ Occhio.Cavo: lei è Adele, secondo me una delle cose migliori degli ultimi anni. Speriamo sappia fare bene anche in futuro...

    RispondiElimina
  12. @ non.sono.io: ero brava anche l'anno scorso e l'anno prima, sorrido...
    Certo che puoi dire ai tuoi amici che ci conosciamo. Virtualmente ma ci conosciamo da anni!

    RispondiElimina
  13. @ je_est: quando scrivo così?
    Eh... lo so. Sono irresistibile! Rido...

    RispondiElimina
  14. sì, si, ho capito che era voluto... non volevo fare il maestrino antipatico, ma solo trovare un minuscolo difetto (per i miei gusti) in un pezzo che trovo davvero meraviglioso... :)

    (la battaglia contro la d eufonica è una delle mie fissazioni stilistiche: mi va benissimo quando è più che necessaria, come nel caso di "ed è", ma già se trovo scritto "ed andare" mi viene il mal di pancia... ma sono ovviamente cose opinabili e personali, ci mancherebbe)

    RispondiElimina
  15. Lo so, ci sono persone che non tollerano le "d" eufoniche ed altre che le vorrebbero disseminare ad ogni incontro tra vocali.
    A me capita di patire mal di pancia quando leggo "pò" invece di "po'". Quindi posso capirti!

    RispondiElimina
  16. gatti neri e vento che taglia al contrario, lo vedrei benissimo come inizio di un film horror o__o

    RispondiElimina
  17. Ma perché tu sei una romanticona!

    RispondiElimina
  18. Sono io che sono rimasto indietro durante la fuga o "Questo video è privato" solo per me ? :(
    (wu)

    RispondiElimina
  19. Vedi che quando vuoi perseveri. Addirittura nello scornarti con il vento (povero vento :-).
    Pedala, pedala, ché è tutta salute.

    Basilico

    RispondiElimina
  20. Certo che pedalo!
    Anzi, tra una decina di minuti torno in bici. Ecco.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.