7 maggio 2011

Rogne & Carogne

E' in quei giorni in cui tutto si storce, quelli in cui si sfalda anche il più insignificante dei gesti, quelli in cui l'intero universo, sei sicura, ha deciso di complottare per ridurti alla polvere che ti guardi addosso ed implori clemenza. Non si sa bene chi possa essere in ascolto, ma riconosci, implacabile, l'urgenza di una tregua. Una fuga verso pianeti alieni sarebbe auspicabile, così come un "vaffa" formato industriale che spalanchi la gola ad una rivoluzione che capovolga il cosmo affinché l'omologazione sia finalmente sconsacrata.

[foto by Aisis]

8 commenti:

  1. ecco__ sto appunto provando a smettere di fumare perchè presumo di non trovare sigarette nel post (dopo) apocalisse:))
    diciamo che sono quasi pronta:)) quanto mancaaaa???????

    RispondiElimina
  2. Smettere di fumare è una gigantesca impresa per un essere umano ma in tanti ci riescono per cui puoi riuscirci anche teti. N'est pas?

    Non so quanto manchi. Spero non troppo ché io ho già l'acquolina!

    RispondiElimina
  3. Posso mettermi anche io in trepidante attesa?

    RispondiElimina
  4. Prego.
    Intanto prendo anche qualcosa da bere...

    RispondiElimina
  5. A me succede. Quando picchio il mignolo all'angolo della cassettiera..

    RispondiElimina
  6. Oppure l'alluce contro l'armadio o il gomito contro il davanzale o il ginocchio contro una porta...

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.