17 maggio 2011

Confesso le mie (s)manie

Inizio le riviste partendo dalla fine. Ripongo gli occhiali nel cassetto prima di dormire. Non seguo le previsioni del tempo. Non vado nei bagni pubblici. Vesto prevalentemente di nero. Prendo solo gelato in coppetta. Ordino i libri per case editrici. Non mangio le unghie e non bevo caffè. Ho raggiunto un compromesso con i miei capelli: li ignoro. Quando scrivo perdo la cognizione del tempo e dello spazio. Sono fissata con accenti ed apostrofi. Uscire senza occhiali da sole è impensabile. Detesto i luoghi affollati. Mi rifiuto di entrare da McDonald's. Ho il senso dell'olfatto particolarmente sviluppato... e non è detto che sia un bene.

[foto by Royalshake]

24 commenti:

  1. Stupendo questo post.Ci lascia la possibilità di conoscerti un po' meglio senza tralasciare mai questa bellissima scrittura che m'innamora ogni volta.Abbiamo punti in comune.Anch'io odio i luoghi affollati,McDonald's,non mangio le unghie e non bevo caffè:incredibile.Aggiungerei che,al bar,non bevo nei bicchieri di vetro.E poi ancora,anch'io compro i libri per case editrici.Mi piacciono quelli della NewtonCompton per le copertine e anche perchè sono abbastanza economici.Einaudi,Feltrinelli e qualche rizzoli.Quanto mi piaci,Euridice!

    RispondiElimina
  2. Quante cose in comune!! Inizio le riviste partendo dalla fine, non seguo le previsioni del tempo. Non esco MAI senza occhiali da sole nella borsa (che sono anche da vista), detesto Mac Donald's (ma ci porto qualche volta le ragazze), evito i uoghi affollati e ho un senso dell'olfatto davvero animalesco. Per il resto ho un sacco di vizi. Unghie fumo caffè. Quando scrivo soffro le pene dell'inferno, compro i libri solo se suggeriti da persone fidate. Porto sempre con me almeno una conchiglia e sono sempre in ritardo. I tuoi capelli puoi permetterti di ignorarli perchè sono splendidi, da quel poco che ho visto.

    RispondiElimina
  3. bellissimo post...come sempre del resto ;)

    Che bello pensavo di essere l'unica con la testa montata a rovescio! Anch'io leggo le riviste partendo dall'ultima pagina.. :)

    RispondiElimina
  4. leggere questo post appena sveglio mi rende la giornata piacevole, ma mica lo so perché. So che mi ha fatto digitare l'accento giusto su "perché", mentre di solito non lo faccio per pigrizia, tanto non se ne accorge mai nessuno.

    RispondiElimina
  5. @ Veil: beh, mi conosci ogni volta che scrivo. Con questo post, magari, parlo delle mie piccole "manie" pratiche. E ce ne sono almeno un miliardo in più... potrei scriverci i prossimi 50 post.

    Con "ordino" i libri, intendevo "mettere ordine" non comprare. Tutto qui...

    RispondiElimina
  6. @ espe: avevo il sospetto che tra me e te ci fossero parecchie cose in comune. Non so se sia io a dovermi preoccupare o se sia meglio che a preoccuparti sia tu.

    Io, però, sono sempre piuttosto puntuale. E non fumo. Detesto l'odore del fumo e di chi fuma.

    RispondiElimina
  7. @ Artemisia: a quanto pare siamo diverse ad iniziare a leggere le riviste dalla fine. Chissà perché. Bisognerebbe chiedere a uno bravo!

    RispondiElimina
  8. @ ruhevoll: accenti e apostrofi sono la mia fissazione. Li rispetto in ogni occasione e mi piacerebbe che chi conoscesse le regole, le applicasse... non può che far bene alla nostra lingua.

    RispondiElimina
  9. Grazie per la visita al mio blog,mi ha fatto molto piacere.Hopper mi ha ispirato.

    RispondiElimina
  10. Vengo quasi ogni sera sul tuo blog anche se, di recente, hai scelto di non scrivere quasi nulla.
    Hopper è stata una bella sorpresa!

    RispondiElimina
  11. é interessante come alcune cose si potevano quasi immaginare, tipo il vestirsi di nero,la resa con i capelli, gli accenti.altre invece proprio non le avrei pensate come il non bere caffè e quel gesto di porre gli occhiali nel cassetto.

    RispondiElimina
  12. Non so perché immaginarne alcune ed escluderne delle altre. Sensazioni.
    D'altro canto qui sappiamo solo quello che trapela attraverso dei post e poco altro. Tutti siamo un po' diversi dall'immagine che diamo.

    RispondiElimina
  13. si,vero.da quello che trapela mi capita di immaginare chi sta dietro i post.costruire un'immagine mentale di chi sto leggendo.poi cambia,poi é sbagliata poi...

    RispondiElimina
  14. Credo sia un processo naturale, quasi involontario.
    Un po' si idealizza, temo. Per il resto, forse, ci si azzecca.

    RispondiElimina
  15. Allora mi detesti! Pazienza, ma credo sia il caso che nessuna delle due si preoccupi più di tanto.

    RispondiElimina
  16. Ps...di recente non scrivo nulla perchè non mi viene niente in mente.Pensare poi di non saper scrivere come si deve mi deprime ancora di piu'.

    RispondiElimina
  17. @ espe: certo che ti detesto! Non te ne eri mai accorta?

    Sorrido...

    RispondiElimina
  18. @ Veil: mancanza di ispirazione? Capita a tutti, non preoccuparti.

    RispondiElimina
  19. a parte l'olfatto e il fatto che non ho cassetti vicino al letto quindi gli occhiali li poggio per terra, ci siamo.
    evidentemente, da quanto leggo, tra le affinità dei blogger amici ci sono anche le manie che hanno in comune di non essere nocive per il prossimo, ma davvero vogliamo chiamarle manie?
    o sono piuttosto tratti comportamentali della persona?

    RispondiElimina
  20. Le ho chiamate manie o (s)manie perché per qualcuno potrebbero esserlo. Quelle piccole abitudini, quei piccoli gusti o preferenze che ogni essere umano possiede. Senza far male a nessuno, ci mancherebbe altro!

    RispondiElimina
  21. Riesci a leggere a letto? io per niente. Forse è per quello che ingobbisco.

    RispondiElimina
  22. Sì, riesco a leggere a letto.
    Di fianco e distesa. Però dopo un po' la mia mano destra intorpidisce.
    Vecchiaia, temo.

    RispondiElimina
  23. Euri… ma allora siamo uguali, tu ed io!!! Anch’io ho raggiunto un compromesso con i miei capelli:
    li ho persi.
    (Eh, da 'na parte tocca lascia'. Prima m'ammazzavo de Euchessina, mo'...
    So' dispiaceri, che ce vòi fa'!)

    Pecaz :-(

    RispondiElimina
  24. Eh... mi ricordo, vagamente, di un leggero riflesso cranico. Ma sono cose che capitano. Ne conserverai un delicato ricordo. (ridacchio...)

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.