1 febbraio 2011

Tutto, subito e senza troppi sforzi

Desiderare di avere è la nostra peggior rovina. Ci insegnano, e lasciamo che ci insegnino, a volere ciò che vogliono. Sordi e incapaci. Dovremmo disimparare la fretta di possedere, l'ingordigia di una voracità che sta consumando noi e il secolo dal quale cerchiamo riparo. Ogni capriccio si fa urgenza, ogni lacrima si fa disperazione, ogni visione si fa mania. E la pazienza di una crescita, così come il gusto amabile di un'attesa, diventano furia di fiamme. Quelle necessarie ad incenerire il resto e ad accelerare le priorità di pochi ai danni delle esigenze di troppi.

[foto by noyereve]

16 commenti:

  1. apprezzo molto le tue parole, ma ti rassicuro__ anche a fare come dici non serve e in più ti senti una deficiente (parlo per me, ovviamente)
    come ho già avuto modo di dire ho una impronta ecologica ridicola (e tralascio i dettagli del dove e come sono finita a fare la dura e pura)
    capricci, manie, furie e quali? a sì detesto quando scrivo a qualcuno e non mi risponde:))

    RispondiElimina
  2. "Dalla barbarie del nuovo
    che avanza
    Dalla ricerca volgare
    dell'abbondanza
    Da chi ti cura chiudendoti
    dentro una stanza
    Cerco uno spazio vitale
    la mia distanza"

    RispondiElimina
  3. @ teti: come saprai, fin dal tempo in cui i filosofi greci si impegnavano a dare un senso al loro amore per la conoscenza, si è arrivati a capire che la via più saggia per raggiungere la felicità è quella che passa per l'abolizione dei desideri.
    Se fossimo capaci di non desiderare nulla di più di quel che serve, saremmo probabilmente più sereni e soddisfatti.
    Invece ci bombardano, perché vogliamo che ci borbardino, ovvio, di desideri, di "cose" da desiderare. Un possesso che è diventato la legge dominante, la guida imperante del nostro fare e del nostro essere.
    Forse dominare le proprie aspettative, ridimensionare ciò che si vuole solo per il gusto di averlo, basterebbe a farci più umani.

    RispondiElimina
  4. @ Mister: confesso: non so cosa e chi sia. Immagino una canzone, ma potrei sbagliare...
    Mi illumini?

    RispondiElimina
  5. cara euridice, è esattamente la mia materia di studio, solo che a parte non trovare un altro/a che sia interessato/a a praticare insieme, fatico anche trovare qualcuno che sia interessato/a occuparsi solo delle cose che nessuno può nè comprare e nè vendere.
    ma questo so sapevo i maestri zen, infatti si sa che certi percorsi portano alla solitudine e al silenzio, all'essenza dell'assenza come approdo. bello e molto faticoso:))

    RispondiElimina
  6. da qui,le patologie del secolo, ossia ansia ,depressione,bulimia etc etc etc...

    RispondiElimina
  7. Le cose inutili o quasi,diventano necessarie...le mode,le abitudini sbagliate,l'educazione impartita male,la sottocultura.
    PS posso prendere questa foto?Com'è bella.

    RispondiElimina
  8. Patologia epocale di una deriva metafisica. Deve arrivare fino in fondo. Poi, gli scarafaggi... molto probabilmente.

    RispondiElimina
  9. Mi ricorda qualcosa letto. Forse ne Zibaldone. Ma tra i germi influenzali e il fatto che non amo Leopardi, non ci giurerei :)

    RispondiElimina
  10. @ teti: fare fatica non è contemplabile né contemplato nel nostro tempo. Anche rinunciare a desiderare è un atto che nessuno tenta di compiere.
    Eppure non è poi tanto complicato. Basterebbe solo riuscire a distaccarsi un po' dalle "cose".

    RispondiElimina
  11. @ EMMA: sì, temo anche io che le malattie da te elencate abbiano parecchio a che fare con i mali di cui ho scritto nel post. E' evidente.

    RispondiElimina
  12. @ Veil: certo che puoi prendere la foto. Anche io l'ho presa. L'autore è indicato in basso a destra.

    RispondiElimina
  13. @ RDNZL: sì, arriverà di certo fino in fondo. Mi domando solo dove sia questo fondo... a volte mi sembra così vicino.
    Con tutti gli scarafaggi che porta (o porterà) con sé!

    RispondiElimina
  14. @ Emma Peel: mi spiace che tu abbia l'influenza... Sei una delle tante persone malate.
    Onestamente nemmeno a me piace molto Leopardi. E di certo non me lo ricordo!

    RispondiElimina
  15. "Quando hai raggiunto il fondo puoi sempre scavare" Freak Antoni

    RispondiElimina
  16. Quando ho letto il tuo commento, è venuto in mente anche a me.
    Ed ho il timore che finirà esattamente così.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.