12 gennaio 2011

Quaquaraquà

Parole e parole, propositi e belle intenzioni. Ma anche speranza di fare e di far vedere al mondo fantasmagoriche rivoluzioni. Progetti di rappresaglie, giuramenti di vendetta e voti di barbara sopravvivenza di fronte alle incomprensioni di un intero pianeta. Nessuno osi interrompere l'eruzione d'oscena energia. Vette e abissi siano pronti alla nemesi satura di giustizia, al rovesciamento esistenziale cosparso di sentenze quotidiane. Una lagna, in fin dei conti. Tanto vale tapparsi le orecchie e accomodarsi in una poltrona di troppi bla, bla, bla.

[foto by intao]

16 commenti:

  1. ineccepibile e condiviso.
    oggi c'è il sole, speriamo che sia una buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Vorrei riuscire ad impostare il tempo in funzione della mia vita e sfruttare la sua arroganza. Invece riesco solo a non essere rassegnata perché non subisco il quotidiano e il suo "parlottare". 'Uomini e cose ci circondano.
    E ci straziano gli occhi, le une e gli altri.
    Meglio vivere al buio'.Josif Brodskij

    RispondiElimina
  3. Oggi spacco il mondo.
    Anzi no, domani. Sta a vedere.

    RispondiElimina
  4. @ Teti: è stata una buona giornata. Un po' stancante però.

    RispondiElimina
  5. @ Emma: magari si potesse, Josif!

    RispondiElimina
  6. @ je_est: va bene, domani... (tanto lo sanno tutti sei uno quaquaraquà!)

    RispondiElimina
  7. Ci sono i chiacchieroni, sta bene. Poi i rivoluzionari, i sognatori, quelli che la grande impresa. E c'è chi ama le piccole cose, i piccoli gesti. E chi siamo noi per giudicare? F.

    RispondiElimina
  8. Io avrei detto "un" quaquaraquà. Però va bene, vado a starnazzare, ok.

    RispondiElimina
  9. Tanto vale non curarsi piu' di loro che tanto solo noi possiamo pensare a noi stessi e al nostro bene;tanto vale tornare a scrivere quelle tue stupende parole che ci riscattano l'animo e la sensibilità, troppo spesso, minacciate dagli iniqui eventi umani.Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. @ F: non siamo nessuno. Infatti mi limito ad ascoltare e a non dire nient'altro. Tanto non serve a nulla!

    RispondiElimina
  11. @ Je_est: credo che tu abbia ragione. Non so perché ho scritto "uno". Forse per un attacco di storditaggine acuta. Abbi pazienza!

    Saluta Arturo da parte mia, mi raccomando.

    RispondiElimina
  12. @ Veil: infatti non mi curo di loro. E' che a volte è difficile sopportare persone che non fanno altro che parlare di ciò che faranno, di ciò che diranno e come e a chi e perché, ma che, all'atto pratico, non muovono un dito e continuano a lamentarsi di tutto.

    RispondiElimina
  13. @ mia_euridice che ha @lato F. e altri: sono geloso, perchè dai a Je_est del quaquara-quà e a me niente? Pretendo di ricevere anche io almeno un quaquara-là.
    P.S. @lato si legge "chiocciolato" o "chiocciolacitato"? Il livello di sofistificazione stride con l'unico neurone che non è fuggito all'estero (ma solo perchè non se lo tirava nessuno) F.

    RispondiElimina
  14. @ F: ok, per tanto poco!
    Sei un gran quaquara-là.
    Ecco, va meglio ora?

    In merito al tuo P.S. preferisco tacere.

    RispondiElimina
  15. Avrei qualcosa da fare in merito. Di chiacchiere, anch'io ne ho sentite davvero troppe! (wu)

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.