24 gennaio 2011

Prima persona plurale

Sto imparando daccapo il senso del te ed io. Vivo come metà, frazione invariabile di un doppio. L'estesa porzione di gesti, cure e sensi in me, ora, esulta ed illumina. Non c'è più uno spazio assente qui accanto, ma una presenza che si imbeve di condivisione e di attese da tradurre in abbraccio. Non arroventa la pelle, non scarnifica l'anima, non squarcia la coscienza. E' il senso puro dell'esserci, la volontà che si fa pane e neve, il coraggio di non temere l'urto celestiale di un "ti amo" detto senza smarrirsi e senza colpe.

[foto by hyppotomatus]

15 commenti:

  1. in poche parole,se posso,"equilibrio d'amore"! piu unico che raro,direi!

    RispondiElimina
  2. la so!___ (dai scherzo:))
    ma mi hai fatto venire in mente sta cosa qui
    CLICK
    che metto anche in "tradizionale" nel caso si rompesse il link
    http://www.youtube.com/watch?v=4XrBzIWzN-w

    RispondiElimina
  3. Si vede che sei innamorata,mi fa piacere. Il tuo modo di scrivere,poi, è qualcosa di magico nel tradurre sentimenti privati e profondi.Sei sempre la numero uno.Ti adoro! un abbraccio
    PS posso rivolgermi in questi termini senza che il tuo lui si ingelosisca,vero? Spiegami che io sono un angelo gaio ;-).

    RispondiElimina
  4. @ Emma: sinceramente non so se sia un equilibrio. Io lo vedo più come un momento di crescita in parallelo. Ci stiamo costruendo a vicenda.

    RispondiElimina
  5. @ Teti: molto intensa, grazie.
    Non conoscevo questa artista...

    RispondiElimina
  6. @ Veil: tu, invece, sei sempre il solito adulatore enfatico!
    Sorrido.

    P.S. Sì, puoi rivolgerti a me con questi termini. D'altro canto non mi dici nulla di male.

    RispondiElimina
  7. Sono molto felice per te, anzi per voi. Io mai come ora mi sono sentita come una paperetta che galleggia in una vasca piena d'acqua tiepida, sporca e ormai inutile.

    RispondiElimina
  8. Grazie espe. Davvero...
    L'acqua, cara paparetta, si può cambiare. Si butta via quella sporca e se ne prende di fresca. Se no si rischia di ritrovarsi in una palude piena di alghe e corpi morti.

    RispondiElimina
  9. Nella quale il primo corpo morto che si intravede è il proprio.
    Apro lo scarico, va.

    RispondiElimina
  10. Attenta a non farti risucchiare insieme all'acqua sporca però...

    RispondiElimina
  11. Controllo: paperella più larga del buco? Yes!!

    RispondiElimina
  12. Spero che non passi di qui nessuno che si diletti in doppi sensi!
    Rido...

    RispondiElimina
  13. Da te non me l'aspettavo...(ma rido anch'io, ora)

    RispondiElimina
  14. Era ora! :-)
    Basilico

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.