12 dicembre 2010

Vincent

Vincent di un orecchio mozzato e di prostitute malate.
Vincent di facce contadine e pennellate vorticose, di cieli carboncino, inchiostro e carta velina.
Vincent di rabbia e cipressi, di Montmartre e lettere al fratello.
Vincent di maledizioni e raffinatezza, di luci, esplosioni e abissi.
Vincent di mente eletta, di Gauguin, Millet e Cézanne.
Vincent di zoccoli e stagioni, delle quattro età dell'uomo, di libri adorati e di albicocchi in fiore.
Vincent con te, mano nella mano. Semplicemente.

9 commenti:

  1. Non vedrò la mostra, troppo lontana per me, ma ho appena comprato un libro su Van Gogh. Piace molto a mia figlia.

    RispondiElimina
  2. Sì, un po' lontana da te...
    Comunque tua figlia ha un ottimo gusto!

    RispondiElimina
  3. Quanto è bello questo tuo post,Euridice.Versi descrittivi e poetici dedicati ad uno dei più grandi artisti della pittura mondiale. Era tanto geniale quanto estroverso.L'ho sempre visto come una persona un po' psicopatica con disturbi di comportamento,questa è l'impressione che mi dava.In fondo tutti gli artisti sono un po' così:creano per se stessi un mondo nel quale rifugiarsi,lontano dalle volgarità del mondo.Di lui mi piace molto "La notte stellata".Brava!Un abbraccio dolce.

    RispondiElimina
  4. Sicuramente aveva dei problemi mentali. Almeno da un certo punto in poi della sua vita. Ma è stato anche un uomo molto colto, studioso, amante della cultura e dei libri. Una mente davvero singolare e straordinaria.
    "La notte stellata" piace molto anche a me, peccato che alla mostra di Roma non ci sia!
    Ricambio l'abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Però, dedicare versi a Van Gogh. "La notte stellata" è stata l'immagine del mio ex blog per un po'.

    RispondiElimina
  6. Non sono propriamente dei versi, ma va bene. Anche a me piace molto "La notte stellata"...

    RispondiElimina
  7. Come mi piacerebbe sedermi su uno sgabello vicino a te ed ascoltarti per ore.Conoscere la tua filosofia di vita,i tuoi punti di vista,i tuoi consigli consolatori e, perchè no,anche rimproveratori.Sono un po' triste stasera...bè sotto alle parole che parlano di Vincent magari ci sta anche bene un effimero sfogo.TVB

    RispondiElimina
  8. Mi spiace che tu sia triste Veil. Mi spiace molto.
    Sai, io sono una che chiacchiera parecchio. Ti terrei compagnia, quanto meno.
    Un sorriso!

    RispondiElimina
  9. Secondo me sono dei versi, un po' particolari ma versi. Belli

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.