15 dicembre 2010

Occhi vecchi

Nei miei occhi vecchi ci trovo lettere e premure. Quelle che scavano l'iride fino alla schiena. C'è anche il fumo di ardimenti dispersi e le unghie smaltate che ho appena finito di scalfire. Occhi ormai vecchi per tollerare spargimenti di niente e per soccorrere le miserie proferite da bocche sempre troppo piene di fiato. Se ci fosse un pozzo, in fondo, nell'orbita, ci getterei gli inciampi e le sconfitte, i luoghi sepolti e i relitti ammuffiti. Lì, nell'incavo del cranio. Buio come un principio.

[foto by Nour-K]

9 commenti:

  1. Alzo le mani per l'ennesima volta:no comment,non voglio sporcare queste stupende parole.

    RispondiElimina
  2. Mi lasci sempre senza parole.

    RispondiElimina
  3. @ Veil: alzi le mani? E perché mai?
    Devi dire solo ciò che ti va. Se ti va.

    RispondiElimina
  4. @ Anonimo: anche se non so chi tu sia, grazie!

    RispondiElimina
  5. Alzo le mani nel senso che mi arrendo a tanta passione in forma scritta.Buona serata.

    RispondiElimina
  6. Questo post è il cerchio di Giotto fatto manciata di parole.

    RispondiElimina
  7. Non so se Giotto sarebbe d'accordo. Magari no...
    In ogni caso grazie, Mister T.

    RispondiElimina
  8. PERFETTO!
    Quando ti ci metti e sei inspirata sei superlativa, quoto assolutamente Mr. Tambourine

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.