18 dicembre 2010

Neige

La neve scricchiola del suo stesso umore. Geme e si consuma, dopo aver ammorbidito l'orizzonte e annullato le linee a vista. L'aria è gonfia del suo odore impalpabile che schiaccia il palato e si propaga. Respiro. Salgono i cristalli fino alla testa, densi di inverno. Dai nembi di fiato germogliano arabeschi e calore di corpo. Inerme, non c'è altro da fare se non governare uno spazio occupato ed esangue. Ritiro le mani nelle tasche e penso che sarebbe stato bello averti qui.

[foto by AngelinaHarijau]

17 commenti:

  1. solitudine
    scricchiolii nevosi
    sciolti sospiri

    RispondiElimina
  2. Oh, Teti! Il mio post fatto haiku. Molto interessante, grazie!

    RispondiElimina
  3. eh___ sapessi come sono utili a togliermi dagli impicci :))

    RispondiElimina
  4. ciao!
    vedo che passi spesso a leggermi... purtroppo negli ultimi tempi ho avuto pochissimo tempo da dedicare al blog. tutti i post infatti sono stati semplicemente copiati dal vecchio blog e postati qui postdatandoli. con l'anno nuovo forse avrò più tempo. intanto ti saluto e ti auguro buon natale e felice anno nuovo. Antopo76
    PS:
    la neve qui si è sciolta, il freddo resta...

    RispondiElimina
  5. @ Teti: spero di non essere stata un impiccio... no, non credo!

    RispondiElimina
  6. @ Antopo: so che i tuoi post sono vecchi. Alcuni ricordo di averli persino già letti sul vecchio blog, ma alcuni non li ho mai visti.
    Spero che tornerai a scrivere qualcosa di nuovo...
    Qui restano sia il freddo che la neve. Ma io non sono sulla costa ed è quasi normale.

    RispondiElimina
  7. No, non c'eri. Perché eri impegnato a salvarti tra treni, nevi e santemarienovelle.

    RispondiElimina
  8. tra un treno e l'altro, nei tratti a piedi...bè, lì c'ero, scendeva e scendeva e...nonostante tutto mi piaceva. La prossima volta mi faccio notare :)

    RispondiElimina
  9. ...e una stalattite nel cuore.

    RispondiElimina
  10. Che bello questo post dedicato al freddo dell'inverno nel quale ci sono riferimenti ai tuoi sentimenti ed al tuo stato d'animo.Sono sempre stupende le tue parole.Ogni volta che ti leggo penso alla mia incapacità e penso sempre se tra una decina di anni riuscirò a scrivere come te.

    RispondiElimina
  11. “Ritiro le mani nelle tasche e penso che sarebbe stato bello averti qui.”
    Eh, certo, sarebbe veramente bello che lo avressi stato lì… che ci staresse… che ci foss…
    Va bbe’, per adesso c’è Quèlo!
    P.S. E’ un periodo un po’ incasinato sul lavoro: spero di poter essere costante nel commentare.
    Basilico

    RispondiElimina
  12. @ Ubi: sì, magari vestiti di giallo canarino o canta Quel mazzolin di fiori a squarciagola. Almeno mi accorgerò che ci sei...

    RispondiElimina
  13. @ Halmv: quella fa male!
    Pensavo fossi partito per un'altra galassia...

    RispondiElimina
  14. @ Veil: sapevo che ti sarebbe piaciuto. Ormai quando scrivo un post, lo chiudo e mi dico: "Chissà cosa ne penserà Veil".
    Sei sempre troppo gentile.

    RispondiElimina
  15. @ Basilico: e io che pensavo che avessi preso un po' di sane e meritate ferie natalizie...
    No eh?
    Sarà per un'altra vita, ormai.

    RispondiElimina
  16. Come si vede che leggi molto: lingua e sintassi ti sorreggono...anche quando l'ispirazione manca.
    Questa è accademia di ottima qualità.

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.