15 novembre 2010

Umor nero

Spleen. Potrebbe bastare a dire. Ma forse non dice abbastanza di questa cupezza che riluce stanca tra il desiderio di allontanarsi e la fame di silenzio. Malanimo sinuoso, spalancato su chiunque osi oltrepassare la linea circolare del sentirsi. Dura giorni o qualcosa in più, mi (ri)conosco! Non avverte e non grida. Arriva e si adagia molle sui buoni propositi e sulle mie ciglia brune. Mi trasforma in un'isola imbrattata da disincanto e rancori amarognoli. E' per questo che mi limito all'inerzia. Vado solo perché qualcosa mi induce ad andare.

[foto by Hengki24]

13 commenti:

  1. secondo me,inquesti momenti, dovresti scrivere un libro :)) [coraggio che oggi Silvio se ne va aff....]

    RispondiElimina
  2. Ecco, questo è uno di quei post che spero abbia origini esclusivamente ormonali e nulla più.

    Basilico

    RispondiElimina
  3. "Gemito ostinato d'anima senza pace né dimora".
    Ma sono convinta che sia sempre valido il concetto di causa-effetto.
    Chi è stato causa di questo tuo umor nero?

    RispondiElimina
  4. Capita anche a me, e spesso non riesaco a capirne la ragione o il fattore scatenante (almeno cosciamente).
    Nel mio caso, credo sia un insieme di micro-arrabbiature quotidiane, di cose che non vanno come vorrei, di piccole ingiustizie non risolte: ad un certo punto, il vaso è colmo, e può sfociare in una violenza cieca, o in una chiusura totale verso il mondo esterno, che si manifesta in un umore nerissimo....

    RispondiElimina
  5. @ Halmv: ah, scrivere un libro... divertente!

    No, Silvio è ancora dov'era. Non so per quanto, ma per ora resta lì. E quando si schioda?!

    RispondiElimina
  6. @ basilico: forse una componente ormonale ci sarà pure, ma davvero non so da dove arrivi questa cupezza.

    RispondiElimina
  7. @ Marisa: sei Marisa Marisa?
    Spero di sì...

    Non lo so da dove arrivi, non so quale sia la causa. Forse stanchezza, forse pesantezza, forse qualche frustrazione. Passerà. E' sempre passata.

    RispondiElimina
  8. @ Diossina: forse è così anche per me. Ci sono stati dei piccoli (ma grandi) problemi per me in questi ultimi tempi. Qualche nervosismo di troppo, qualche delusione lavorativa (soprattutto)... A questo si sarà affiancato un momento "mentale" non esaltante ed il risultato è ciò che sento ora.

    RispondiElimina
  9. Sarà anche la condizione atmosferica?Ma non credo che Euridice sia una persona vulnerabile a queste cose...ha un carattere molto forte perchè la pioggia ed il vento la faccia oscillare come i rami di un salice.Mi dà l'impressione di Briciola:una gattina del mio palazzo che quando è di umor nero è meglio non strapazzarla.Un abbraccio forte,amica mia.

    RispondiElimina
  10. Briciola? sorrido...

    Non sono così forte e invulnerabile, Veil. Anzi.
    Ti ringrazio per l'abbraccio, che ricambio.

    RispondiElimina
  11. Sì, Euridice sono Marisa Marisa (ho l'impressione di aver fatto un po' di pasticci con i profili per non apparire anonima).
    L'umore nero a me fa pensare a rabbia, aggressività, rancore (stati d'animo negativi, ma di forma attiva); mentre mi sembra che il tuo stato somigli più all'umore grigio e uggioso della malinconia, della rassegnazione (stato d'animo passivo).
    No, no; non ti appartiene... Hai la linfa resistente e vitale dei tuoi boschi dentro te.
    Sai che tutto passa. Tutto scorre.
    Hai solo bisogno di poggiare un attimo la testa e prenderti una dose più forte di affetto.
    Quindi... ti mando un abbraccio grande grande.

    RispondiElimina
  12. Ah bene! Sapevo che non potevi che essere Marisa Marisa...

    Sì, hai ben interpretato e percepito. Non è rabbia né aggressività quella che mi invade. Ma un senso di stanchezza, di abbattimento.
    Forse dovrei proprio tornare tra i miei amati alberi per qualche ora. Loro mi danno una pace che nessuno al mondo sa infondermi.

    Panta Rei, certo. Infatti passerà anche stavolta.

    Ti abbraccio anche io e ti ringrazio.

    RispondiElimina
  13. prosa poetica di grande spessore. Di questa potresti fare un libro, tra l'altro appari qui meno indigesta. Ma forse non te ne importa nulla

    RispondiElimina

Dopo pessime esperienze con Anonimi tutt'altro che Anonimi, preferisco che chi commenti abbia anche un nome, seppur fittizio.